Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

Letizia va alla guerra – La sposa e la puttana. Profumo di verità

Data:

 

Quelli che hanno letto milioni di libri E quelli che non sanno nemmeno parlare; Ed è per questo che la storia dà i brividi, Perché nessuno la può fermare. La storia siamo noi, siamo noi padri e figli, Siamo noi, bella ciao, che partiamo La storia non ha nascondigli, la storia non passa la mano. La storia siamo noi, Siamo noi questo piatto di grano. (De Gregori)

Roma, Teatro Kopo (Via Vestricio Spurinna 43) dal 20 al 22 ottobre 2017

Mi sono tornati in mente questi versi della bella canzone di Francesco De Gregori, dopo aver visto lo spettacolo in scena al Teatro Kopo fino al 22 ottobre. Letizia va alla guerra – la sposa e la puttana, profuma di storia e di vita, quella vera, quella fatta dalla gente comune anche durante due tragedie come la prima e la seconda guerra mondiale. La guerra, una parola come tante ormai, assuefatti come siamo alle immagini televisive. Una parola che assume significato quando si puntano i riflettori sulla gente che la subisce, che vede le proprie aspettative di vita (quando si rimane in vita) brutalmente spazzate via, cambiate radicalmente.

Letizia va alla guerra _ LocandinaCome accade dopo un terremoto. Saper leggere nelle pieghe della storia, saperne scovare singole storie, come le due messe in scena in questo spettacolo de-li-zio-so, è una capacità ormai conclamata di Agnese Fallongo, autrice del testo e splendida interprete sul palco di due donne, una siciliana appena sposata con il ragazzo che la sera stessa parte per il fronte, l’altra una delle ultime prostitute in una casa chiusa (anzi, di tolleranza), prima della legge Merlin che ne decretò la scomparsa. Entrambe con lo stesso nome, Letizia, vedono la propria esistenza deviata impietosamente dagli eventi bellici, la prima direttamente e la seconda di riflesso. La sposa abbandona la sua ingenuità per cercare il suo amato al fronte, alla puttana l’ingenuità iniziale viene strappata con l’inganno. Ma aldilà delle due storie, che invito chiunque ad andare ad ascoltare per capire il senso del teatro, è uno spettacolo che profuma di verità e di vita vera, con grandi capacità di interpretazione e idee registiche semplici che si adattano benissimo a tanta bravura e attenzione nella documentazione storica. Agnese Fallongo ribadisce il suo talento attoriale (entusiasmante) e il suo marchio di fabbrica autoriale, il suo stile inconfondibile. Tiziano Caputo è partner perfetto in scena, espressivo anche nei suoi silenzi, che si fa anche suono che accompagna, strumento, sguardo che diviene drammaturgia, tanto da ricordarmi in alcuni istanti Buster Keaton. Entrambi bravissimi anche nel canto.

Il teatro è servito e rimarrà in scena al Kopo fino a domenica 22. Non si può non vedere uno spettacolo così equilibrato tra ironia e dramma, tra sorriso e commozione, proprio come la vita. Un gioiello.

Paolo Leone

Roma, Teatro Kopo (Via Vestricio Spurinna 43) dal 20 al 22 ottobre 2017
Gitiesse Artisti Riuniti presenta:
Letizia va alla guerra – La sposa e la puttana, di Agnese Fallongo. Con Agnese Fallongo e Tiziano Caputo. Regia di Adriano Evangelisti.
Si ringrazia l’ufficio stampa del Teatro Kopo nella persona di Pasquale Musella

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Una Storia per il Cinema: a tu per tu con Gabriella Grieco

Gabriella Grieco è autrice del romanzo “Colpevole, la mia morte...

Intervista all’attrice Rosalia Porcaro

Rosalia Porcaro nasce a Casoria dove frequenta le scuole...

Talenti straordinari al Marino’s Got Talent 2023

Strepitoso successo del Marino's got talent, contest dedicato ai...

“Oltre”. La lirica in prosa di Azelio Cantini

OLTRE... Cogito ergo sum (Penso dunque sono... ovvero esisto)...