Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

“Rosa Genoni e l’invenzione del made in Italy”. Ritratto di una pioniera del made in Italy, stilista visionaria e appassionata paladina dei diritti civili

Data:

In scena allo spazio Banterle di Milano dal 2 al 4 febbraio 2018

E’ ormai una eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. Il made in Italy, in particolare nella moda, è uno dei fiori all’occhiello nazionali.

Eppure questa indiscussa supremazia è un successo relativamente recente, costruito nel secondo ottocento con spirito visionario e caparbietà da una donna, quando la parola alta moda poteva essere pronunciata solo in francese.

Ha il grande merito di far conoscere la straordinaria vicenda professionale e umana di una pioniera sconosciuta ai più lo spettacolo Rosa Genoni e l’invenzione del made in Italy, in scena allo spazio Banterle di Milano dal 2 al 4 febbraio.

e, ancora bimba di dieci anni, Rosa inizia a lavorare come “picinina” da una zia sarta. Una scelta dettata dalla necessità, che si rivela decisiva e provvidenziale, perché permette al talento naturale di Rosa di nascere e di svilupparsi. Grazie alla sua dedizione e alla sua determinazione decide di imparare il francese, per poi trasferirsi qualche anno nella culla della Moda, quella vera a quel tempo, a Parigi. Mentre impara tutti segreti del mestiere, Rosa concepisce molto rapidamente l’idea di sviluppare una moda che abbandonasse la ripetizione degli stilemi francesi, per ispirarsi invece a modelli e riferimenti artistici italiani.

Con l’accompagnamento dell’eclettico Paolo Mazzanti, che con la chitarra  ripropone canzoni d’epoca e di volta in volta tratteggia i vari personali maschili, Cristina Castigliola tiene magnificamente la scena per l’intero spettacolo, dando vita a due ruoli. E’ la voce narrante di Ernesta, la ormai anziana collaboratrice fidata di Rosa, trasportata dal flusso dei ricordi e dalla ammirazione per la donna straordinaria di cui ha vissuto intuizioni e successi. Ma è anche la appassionata Rosa che, oltre a concepire e realizzare l’idea di una moda tutta italiana, difende i diritti delle giovani donne e si batte contro la prima guerra mondiale. Un fervente e sincero ardore di impegno civile che segnerà la parabola discendente di Rosa, per il suo rifiuto di aderire al partito fascista.

Un tuffo nel passato e una lezione di storia poco conosciuta. Ma anche una formidabile esperienza di vita. Il racconto di come si possa cambiare il corso della storia anche nascendo donna, nell’ottocento, in una famiglia umile, in una valle di montagna. Tutti ostacoli che rendono ancora più dovuto il riconoscimento del valore di una donna straordinaria.

Guido Buttarelli

Rosa Genoni e l’invenzione del made in Italy
Scritto e diretto da Giorgio Almasio
Interpretato da Cristina Castigliola con accompagnamento alla chitarra di Paolo Mazzanti
Prodotto da Donne in Canto e dall’Associazione Culturale Italia Together

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Piero Brega con “Mannaggia a me”

A distanza di dodici anni, lo sguardo da poeta...

Leo Gullotta sul palco del Teatro Maria Caniglia Domenica 7 gennaio per il quarto...

  Grande appuntamento Domenica 7 gennaio alle ore 18:00 presso il Teatro Maria Caniglia...

Aterballetto al Teatro Regio, eccellenze Made in Italy

Il prestigioso e storico Teatro Regio di Parma...

Origine della parola “ciao”

Oggi scopriamo insieme qual è l’origine della formula di...