Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

Dica: torna dopo l’esordio con “In Bilico”

Data:

 

Dopo  il singolo di esordio dal titolo “Le 6”, arriva in radio e negli stores, il  3 maggio, “In bilico”, il nuovo singolo di Dica (Andrea Di Capua), giovanissimo artista del ferrarese, Il video del singolo è fuori dal 17 maggio sul canale ufficiale dell’artista (https://youtu.be/R0OjR8uNM4M)  dopo l’anteprima esclusiva su Skytg24 del giorno 15.  Ancora un brano rap con sonorità tipiche del genere per suono e ritmica, rivisitate in chiave attuale, evitando però di ricalcare le caratteristiche della trap odierna. Il singolo è accompagnato da un videoclip girato in uno scenario che varia dalle stazioni metro di Brescia, alla suggestiva CasaGhidiBedu, concessa da Cinzia Ghidinelli (Scenografa/Designer Moda) e dallo Scultore Mirko Bedussi, cornice della storia che vede protagonisti, lo stesso Dica e  Giulia Leoni, sua fidanzata anche nella vita.
In Bilico:  https://song.link/InBilico

Che significa “In bilico”?

È un titolo che vuol sottolineare il senso di incertezza,  quelle situazioni in cui ci si sente in bilico tra diverse emozioni e scelte. Nel brano l’inizio è inaspettato, con un ritornello che ci proietta subito nel vivo della storia per segnare un punto di non ritorno, un momento dopo il quale le cose sono destinate a cambiare.  Il video è un’interpretazione visiva della canzone.  Un lavoro che dà concretezza alle note e alle parole, facendo sì che esse diventino colonna sonora di una sorta di film; è stato realizzato da Matteo Sambero, che ha saputo tradurre il mio messaggio in un’ambientazione peraltro molto varia.  Abbiamo infatti girato in tarda serata nelle varie stazioni metro di Brescia, anche se gran parte delle scene sono state riprese nella bellissima CasaGhidiBedu (dimora di design della scenografa-designer Cinzia Ghidinelli e dello scultore Mirko Bedussi), un ambiente intimo che fa da cornice ad una storia d’amore che si logora nel tempo, di cui siamo protagonisti, in veste di attori, proprio  io e  Giulia Leoni, la mia ragazza  nella vita reale oltre che nella finzione scenica. Condividere questa esperienza con lei è stato divertente e, al contempo, emozionante.

Quando ti sei avvicinato alla musica?

Mi sono avvicinato alla musica sin dalla tenera età, ho frequentato corsi di spettacolo e non solo. Alle scuole superiori il mio indirizzo era ‘Musica e Spettacolo’,  in quegli anni ho studiato canto lirico con docenti del conservatorio di Ferrara. Dopo gli anni delle superiori ho iniziato a scrivere dei testi miei senza però pubblicare nessun brano fino al dicembre 2023, in seguito all’incontro con l’attuale management (Abacusweb) con cui ho iniziato a costruire un percorso artistico, di cui “Le 6” ha rappresentato il primo passo e questo singolo prosegue sulla stessa via. Gli obiettivi che mi pongo sono quelli di continuare a crescere come artista, affinare la mia voce e il mio stile, e costruire un legame sempre più profondo con la mia musica. Vorrei anche esplorare nuovi modi per coinvolgere il pubblico e creare connessioni significative attraverso ciò che mi piace fare.

Progetti dopo questo singolo?

Non ci si ferma mai, si lavora a nuovi  brani e spero di poter realizzare presto un EP o un album. Vorrei anche esplorare opportunità di performance dal vivo e di proporre  la mia musica a un pubblico più ampio.

Ph Chiara Sardelli

Instagram: https://www.instagram.com/sonodica/
FB: https://www.facebook.com/sonodica/
TikTok: https://www.tiktok.com/@sonodica
YouTube: https://www.youtube.com/@sonodica

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Maze, a Torino una panoramica sulla cultura street

https://youtu.be/pnmqXi3YAa8 https://www.youtube.com/watch?v=g0EyCoirJ_o https://www.youtube.com/watch?v=DIEeXRxha9I Montaggio e riprese Rudy Bernt, interviste di Daniele Giordano

Due poesia di Gian Piero Stefanoni

PROSPETTIVE   Quello che vedo, di fronte, è un albero che non...