Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

Una “maestra di lingue” davvero… speciale!

Data:

 

Sui social hanno imparato tutti a conoscerla con il suo nome d’arte “La maestra di lingue”. I suoi account – Instagram, X e Telegram – hanno un seguito di migliaia di fans che non aspettano altro se non un suo nuovo contenuto. E lei, naturalmente, è sempre pronta a far fronte alle richieste che le arrivano dal popolo del web. “Sono una maestra nella vita reale ma in segreto, sotto la cattedra, do “ripetizioni” molto interessanti e particolari” racconta con quel velo di mistero che ha contribuito in maniera decisiva a renderla un autentico personaggio.

Come ti descrivi?

Mi reputo una camgirl, esibizionista nel dna. Il mio lavoro è esibirmi, far divertire gli altri e farmi desiderare. Non farei mai nessun tipo di incontro. Il mio lavoro è solo qui sullo schermo. Al di fuori dallo schermo non sono la maestra di lingue ma una ragazza che fa una vita normalissima con i suoi amici e amiche.

Come sei diventata camgirl?

Ero estranea a questo mondo, finchè qualche mese fa ho ricevuto una proposta. Inizialmente ero titubante, poi ho deciso di accettare ed ora sono soddisfatta del “successo” avuto in soli due mesi. Sto gestendo il mio profilo e i miei social da sola e a livello personale mi sento benissimo. L’autostima è cresciuta un sacco. Sono desiderata e voluta da tanti. Sono la “maestra di lingue” migliore d’Italia… così dicono i miei alunni!

Com’è la vita da camgirl?

È iniziata da qualche mese, ma per ora posso solamente dire di essere fiera e soddisfatta “del personaggio” che mi sono creata. Punto ad avere molto, molto, molto più successo, non mi accontento mai nella vita, fa parte di me puntare sempre al massimo. Inizialmente ho avuto timore, vergogna, paura di mettermi in gioco e di mostrarmi. Ma con il passare dei giorni mi sono resa conto che ho una dote e mi viene naturale fare tutto questo. Mi fa sentire libera, forte, bella. Mi rendo conto di essere portata per fare l’esibizionista, mi piace e mi diverte.

Anche questa, per te, è stata una scoperta.

Proprio così: prima di entrare in questo mondo, vivevo l’erotismo come un taboo. Al giorno d’oggi posso dire che è sbagliato pensarla così. Il mondo erotico non va visto come un taboo. Ovviamente ha i suoi pro e contro, occorre prestarvi la massima attenzione nel mondo reale come nel contesto digitale.

C’è molta riservatezza in quello che fai.

Ovviamente nessun mio amico o famigliare sa di questo mio lavoro. Ogni giorno è un’ansia pensare di essere scoperta. Ma continuo perseverante. Il senso di libertà e ribellione che mi da questo lavoro è impagabile. E, naturalmente, mi dà la possibilità di soddisfare tutte le fantasie dei miei alunni…

Che ragazza sei nel quotidiano?

Io nella vita quotidiana sono tutta un’altra persona. Non sono esibizionista, sono una ragazza bella e semplice, allo stesso tempo sensuale. Mi piace viaggiare, amo la mia famiglia, amo uscire con le mie amiche, sono romantica e anche io come tanti ho sofferto in amore. Ho avuto due delusioni d’amore che mi hanno portato ad essere più egoista a livello sentimentale. Voglio essere libera, senza vincoli e senza rendere conto a nessuno. Nella quotidianità ho molto seguito a livello amoroso tanti ragazzi mi scrivono e mi corteggiano. Ma non ho interesse per nessuno, tranne che per un ragazzo. Ma, ovviamente, non lascerei mai questo lavoro.

Manuele Pereira

CONTATTI
https://www.maestradilingue.com

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Una Storia per il Cinema: a tu per tu con Gabriella Grieco

Gabriella Grieco è autrice del romanzo “Colpevole, la mia morte...

“Alcuni regali valgono molto di più”

"Alcuni regali valgono molto di più". Articolo a cura...

Les fleurs du Baroque alla Galleria Nicolaci di Noto

“La Natura è un tempio dove incerte parole mormorano pilastri...