La buca del pellegrino, poesie in romanesco. Di Gian Piero Stefanoni

Data:

 

SENSI

Troppo acceso ‘r sole,

troppo accesa a musica, ‘r violino.

 

Ma ‘n barlume te sorprenne

all’ombra der vino: è estate,

la sorca dice restate..

 

 

 

PIAZZA SAN COSIMATO

Nun entrà naa notte,

‘r dolore è troppo vasto,

troppo vasto ‘ r corpo.

 

Nun ha limite a menzogna,

nun ha limite ‘r torto.

 

Nun è pronto l’amore, ‘r suo ricordo,

l’anima destinata a perdersi

contemplanno a nascita.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati