“Il prete e la fanciulla”. Un sentiero per non perdersi nel caos

Data:

Roma, Teatro Lo Spazio, 16 aprile 2018

Ci sei o non ci sei? Esisti o no? Questo chiede la ragazza alla “voce” di Don Carlo con cui per mesi ha dialogato senza mai vederlo in volto, nel bel finale de Il prete e la fanciulla, andato in scena nella prima romana al Teatro Lo Spazio la sera del 16 aprile. Una domanda che sintetizza il dubbio senza il quale la stessa fede sarebbe cieco fanatismo. Nata da un’idea di Don Luigi Trapelli, da tanti conosciuto come “il sacerdote degli artisti”, la pièce racconta la storia di una ragazza che, come tanti, è in una fase di confusione, di sbandamento, proveniente da una famiglia con gravi problemi. Insomma, uno spaccato attualissimo di società e di gioventù che ben conosciamo direttamente o indirettamente. La ragazza, dopo una serata di eccessi, si addormenta sulla panca di una chiesa in cui è entrata per caso. O no? Un’altra domanda che dà il via alla ricerca, nel dialogo e oltre esso, di senso per una vita borderline, sull’orlo del precipizio, guidata dalla “voce” (della coscienza, di un prete, di Dio?). La ricerca della bellezza, dei propri talenti, per dare significato e indirizzo certo alla propria esistenza. Appartiene a tutti la ricerca, anche ai non credenti. La ragazza della pièce, interpretata dal consueto, sincero, appassionato entusiasmo di Melania Fiore, troverà tra cadute e risalite, la propria strada, ponendosi tante domande lecite, riuscendo ad incanalare la sua rabbia per raggiungere il suo desiderio e un equilibrio tra le gioie e gli inevitabili dolori della vita, in una performance attoriale come suo solito ricca di sfumature e di umanità verace. Storia umanissima ed edificante, ma posta in un’ottica, a mio parere, comprensibilmente ma estremamente ecclesiale. La “voce” (bellissima, di A. E. Castellani), immagino sia il pensiero di chi ha dato lo spunto alla drammaturgia di Melania Fiore, è sulla linea di una sorta di algida (perché senza corpo) catechesi che a volte lascia perplessi. Forse sarebbe più producente, in un futuro prossimo, metterla in scena con un secondo attore, umanizzarla, sporcarla, farla scendere a terra sulla polvere del palco in un contraddittorio forte, anche drammatico, che troverebbe, associato alla bravura di Melania, un ben più emozionante risultato.

Una prima è sempre un primo passo, un cantiere aperto e questo spettacolo ha tutte le potenzialità, negli argomenti trattati, nell’autrice e nelle capacità interpretative della stessa, per diventare qualcosa di molto più incisivo. Molto bella la scenografia, i costumi e le luci.

Paolo Leone

Roma, Teatro Lo Spazio, 16 aprile 2018
RdF Teatro in collaborazione con Teatro Lo Spazio presenta:
Il prete e la fanciulla – Assolo a due voci, scritto e diretto da Melania Fiore. Da un’idea di Don Luigi Trapelli.
Con Melania Fiore e la voce di Aldo E. Castellani.
Disegno luci e audio Alessio Pascale; Direzione tecnica e grafica Riccardo Santini; Video e suoni Enterprise Multimedia; Scene e costumi Elsa Gentile; Foto di scena Nicoletta Deidonè; Musiche: Animals, Iggy Pop, Patti Smith, Muse, Bob Dylan.
Si ringrazia l’ufficio stampa del teatro Lo Spazio, nella persona di Monica Brizzi

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

L’ATTIMO FUGGENTE. Il teatro rilancia il magnifico messaggio del film

Roma, Teatro Ghione, dall’8 al 20 ottobre 2019 La Welton...

L’Hotel Villa Grazioli accoglie la musica jazz d’autore

  Amaranto cocktail and More è la nuova raffinata realtà...

Sabato 10 agosto e Giovedi 15 agosto 2019  Baubeach® ospita la Performance Art and...

Una performance decisamente “sui generis” quella in programma al...