Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Rapporti condominiali amichevoli tra una famiglia semplice ed onesta e una coppia d’aspiranti attori tendenti al sogno della celebrità in LA STELLA DI CASA

Data:

Al Teatro Golden di Roma, dal 26 al 17 marzo 2019

Spesso nell’ambito d’un palazzo con diversi appartamenti non ci si conosce o ci si limita al saluto di cortesia incontrandosi nell’ascensore. Proprio su questo ci vuole far riflettere l’autore della pièce contemporanea di De Santis che fino al 17 c. m. sarà rappresentata nell’ampio spazio di via TARANTO prima di lasciare il posto a fine mese ed ad Aprile ad una rassegna canora con nomi più o meno celebri nel fine settimana a partire da MORGAN IL 23 e 24. Nella commedia d’ambientazione domestica ci troviamo di fronte a due famiglie d’estrazione sociale differente e distinto tenore di vita,che abitano sullo stesso pianerottolo e da principio s’ignorano. Paola e Francesco sono arrivati al posto d’una vecchia padrona d’un bilocale che è deceduta lasciando un misterioso scatolone, segno d’una sua turbinosa fine:Francesco dovrebbe portarlo via, ma ha un forte mal di schiena per una dura esistenza di routine che lo porta ad alzarsi alle 5 di mattina per scaricare i giornali, dovendo pure osservare una dieta dimagrante per dolori gastrointestinali: tanto è salace caricaturista e graffiante, umorista, espressionista, talora gergale, Pietro Scornavacchi, quanto amante degli sceneggiati e sequel televisivi Paola, che Nadia Rinaldi incarna con estrema vivacità aggressiva e fiera determinazione nel controllo del marito quanto alla tavola.Ella una sera incontra i vicini Gustavo ed Isabel che sono innamorati e desiderano imporsi nel mondo del cinema,tuttavia sono ancora ai provini ed i genitori di lei,una disinvolta creatura che sostiene senza risultato tutti gli incontri per la scelta del cast,hanno deciso di non finanziarli più e lasciarli in un mare di guai. Avendo appassionato Paola con la sua carriera legata a piccoli ruoli o comparse,Gustavo riesce ad infilarsi in casa di Paola e, facendosi invitare a cena per il gusto di lei d’essere anfitriona con degli artisti che vede sul piccolo schermo, sbarcare il lunario con “polpette e gateau” di patate, tiramisù, che innervosiscono il povero Francesco per l’arrogante e tartufesca prosopopea del vicino, l’ingenua superficiale bonomia della moglie.Improvvisamente, quando Isabel sta per smettere sfiduciata il suo lavoro con una troppo remissiva Roberta Mastromichele, giunge una telefonata del regista Sorrentino che le affida un ruolo da protagonista premiato ad Hollywood con l’oscar d’oro. Qui tuttavia la verità resta ambigua poiché potrebbe essere solo un sogno ad un bivio scenico e la possibilità del trionfo offerta allo stesso Gustavo, reso caleidoscopicamente con una pluralità di posture,atteggiamenti mimetici e pluralità d’accenti dal commediografo Danilo De Santis, insieme a Brunilde De GAMBARO.

Susanna Donatelli e Giancarlo Lungarini       

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Claudia Bosia, una fotomodella dall’anima rock

Capello rosso rasato da un lato, anima rock e...

Anna Di Chiara, una vita sotto i riflettori

La sua è una vita sotto i riflettori. Che...

Un Trovatore da kolossal

Verona, Arena, fino al 26 agosto 2016 Il Trovatore ritorna...