Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Accusato di neonazismo, il canale YouTube di Felix Krull Editore viene bloccato

Data:

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell’editore Johannes Höricht:

Come Lei saprà, la nostra casa editrice bilingue ha investito negli ultimi anni parecchie energie nella pubblicizzazione dei propri libri attraverso il suo canale YouTube, creando con molta cura estetica più di cinquanta video che valorizzano i testi dei nostri autori. Ora, senza alcun preavviso, questo canale il 5 del mese in corso è stato chiuso dalla centrale YouTube perché presenterebbe gravi e ripetuti incitamenti alla violenza e all’odio. Siamo cascati dalle nuvole e, solo per caso, abbiamo appreso che, a scatenare il provvedimento, era stato un nostro video ironico sulla storia del nazismo, composto da una serie di foto dell’epoca con sottofondo musicale di Albinoni e dal titolo inequivocabile di “Mascherata tragica”.

Il tutto è nato in verità dal fatto che abbiamo pubblicato di recente “Hitler … und wie er seine Deutschen sah” (Come Hitler vedeva i suoi Tedeschi) di Johann Lerchenwald, romanzo che presto uscirà anche in una casa editrice italiana con prefazione di Franco Cardini. L’autore, che si è confrontato per tutta la sua vita colla funesta eredità nazista e ha dolorosissima coscienza dei danni derivati ai suoi connazionali dal non aver mai seriamente affrontato il problema delle cause di una così immane tragedia, ha voluto infine scrivere un libro che fosse ad un tempo chiarificatore, accusatore e salvifico. E naturalmente noi abbiamo accompagnato la sua pubblicazione con una serie di video.

Evidentemente, però, i cervelli artificiali che dovrebbero scovare contenuti nocivi non vanno troppo per il sottile: da un lato fanno passare tranquillamente estesi sproloqui neonazisti sulla superiorità della razza germanica camuffati sotto il manto dell’esaltazione della cultura tedesca, dall’altro colpiscono invece chi cerca di portare un po’ di luce. A nulla è valsa finora la protesta inoltrata alla centrale YouTube in cui abbiamo messo in chiaro che nel nostro canale, votato alla letteratura di qualità, non è ovviamente possibile riscontrare la minima traccia di un’incitazione alla violenza e all’odio.

Vedremo come andrà a finire. Ma se Lei crede di poter utilizzare il nostro caso all’interno della discussione in atto sulla stretta del colosso ai filmati che promuovono o glorificano l’ideologia nazista o alimentano teorie del complotto, ben venga. E naturalmente restiamo a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.

Cogliamo l’occasione per segnalare che in Francia la notizia si sta propagando a macchia d’olio:

https://www.actualitte.com/article/monde-edition/accuse-de-neonazisme-la-chaine-youtube-d-un-editeur-bilingue-est-fermee/95213

https://www.google.com/search?client=firefox-b-d&q=Accus%C3%A9+de+n%C3%A9onazisme%2C+la+cha%C3%AEne+YouTube+d%27un+%C3%A9diteur+bilingue+est+ferm%C3%A9e

Un cordiale saluto,

Johannes Höricht

L’EDITORE

www.felixkrulleditore.de

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Delitto a Villa Fedora dove nessuno è quel che sembra

Roma, quartiere Coppedè. Si consuma un delitto a Villa...

Caldo successo per NORMA al Grande di Brescia

Al Teatro Grande di Brescia, recita del 30 settembre Nel...

La via la 7° edizione di Tact Festival 2020

Esce il bando per partecipare alla 7° edizione di...