Camilla. Curve abbondanti, misure generose e nessun imbarazzo a mettersi in gioco

Data:

È iniziato tutto per gioco (“Mi ha scritto un fotografo, mi ha chiesto di provare, ed io non me lo sono fatta dire due volte”), per curiosità (“Nel quotidiano sono abituata ad essere estroversa”) e per rivincita (“Qualche anno fa sapevo di essere carina, ma non lo sentivo”). A distanza di quasi tre anni dalla “prima volta”, Camilla è a tutti gli effetti una fotomodella del genere curvy. Curve abbondanti, misure generose e nessun imbarazzo a mettersi in gioco e stare al centro dell’attenzione. Un esibizionismo naturale che l’ha portata sul set a giocare, sperimentare e sedurre, senza mai scadere nella volgarità. Camilla è giovanissima (21 anni), diplomata in Scenografia al Liceo Artistico, proiettata verso la laurea in Beni Culturali. Insomma: sa bene il concetto di bello, di affascinante, di prezioso. Per questo, ogni suo scatto mantiene sempre un qualcosa di inedito, di inaspettato, di stucchevole.

I social sono un po’ il passato e il presente della tua avventura fotografica.

Sul mio profilo @tan.traa dove ormai ho quasi 5.000 followers sono stata contattata da un fotografo che mi ha proposto di posare per un set. Ho accettato e mi si è accesa la lampadina. È un mondo che mi piace, che oggi a distanza di quasi 3 anni sento davvero mio.

La tua fisicità non passa inosservata.

Ma penso che la fotografia la esalti, restando ampiamente entro i limiti dell’eleganza. Adoro la ritrattistica, il glamour e il nudo artistico. Ma più del genere, dipende da chi si trova dall’altra parte dell’obbiettivo.

Chi ti ha aiutata in questo percorso?

Mi piace citare tre figure decisive per la mia crescita artistica. Penso a Alessio Cocchi, fotografo professionista e persona con cui sono stata onorata di posare per prendere parte ad un suo progetto personale. Cito anche Paola Malloppo, una delle poche fotografe donne, perché il suo occhio fotografico ha saputo raccontarmi con un erotismo delicato, permettendomi di riscoprire alcuni lati di me stessa. E, ultimo ma non ultimo, dico grazie a Enea Colombi: fotografo e regista di videoclip musicali con cui ho realizzato fantastici set in mezzo alla natura.

Il tuo merito è stato quello di non aver paura in quanto a sperimentare.

Non poteva che essere così, mettermi in gioco non mi dispiace affatto. Anche nel quotidiano sono estroversa, mi piace parlare di tutto e non mi imbarazza per nulla toccare qualche tema un pizzico più malizioso. Mi informo e mi piace dialogare su ogni argomento. Non ho tabù…

Tant’è vero che…

Per due anni di fila ho prestato la mia immagine per la sezione curvy del catalogo online di Wovo Store, specializzato in vestiti in lattice, biancheria intima e… oggettistica. Per me è stato bello e naturale, tanto più che ho collaborato con la titolare, persona splendida.

Anche in questo caso non hai avuto paura a metterci viso e corpo.

La verità è che non sopporto le etichette che la società moderna affibbia alle persone semplicemente perché… fanno qualcosa!

Oppure, “sono” qualcosa.

Proprio così: oggi tutte le modelle con qualche forma abbondante diventano curvy. Invece è brutto essere schedate, dover rientrare ad ogni costo in una categoria. Lo trovo assurdo e ingiusto. Amo la moda e per una “curvy” non è sempre facile riuscire a vestire come vorrebbe. È normale tutto questo?

Affrontiamo un altro tema: sei fidanzata da 5 anni.

Proprio così, e il mio compagno che inizialmente era un po’ perplesso oggi è il mio primo tifoso vedendo la serietà e la professionalità con cui mi approccio alla fotografia. Anche grazie a lui, la fotografia ha rappresentato un momento di riscatto.

La fotografia ti ha dato consapevolezza della tua fisicità.

Proprio così, e mi ha fatto sentire bella! Avevo un brutto rapporto col mio corpo, in età adolescenziale avevo preso qualche chilo e mi ritrovai a dover convivere con numerose angosce. Sapevo di essere carina, ma non riuscivo a vedermi tale. Gli scatti, i commenti ed il sostegno dei followers hanno avuto un ruolo decisivo.

Non solo fotografia per te…

Ma anche un videoclip musicale per Elodie, “Rambla”, uscito nel 2018… e la voglia di mettermi sempre più in gioco in modo versatile e polivalente.

Tu resterai a lungo in questo mondo?

Mi sento di rispondere… di sì! Body-positive è una cura, la fotografia è stata determinante per questo risultato. E, aggiungo: non vedo il dimagrimento come una via da seguire a tutti i costi. Voglio stare bene con me stessa, alimentandomi correttamente e facendo movimento.

Insomma, il feeling con te stessa è ai massimi livelli.

Mi piaccio e mi piace mostrarmi per come sono. Adoro le mie labbra, il mio fondoschiena, la mia capacità di affrontare ogni argomento con dolcezza e malizia. Spesso questo mio modo di fare lascia senza parole, ma io non ho problemi a farlo…

Luca Fina

 

Foto di copertina Alessio Cocchi
CONTATTI
@curve.tantraa

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Akerusia Danza omaggia Paul Taylor

Al Teatro Mediterraneo di Napoli, il 5 e il...

“Interruzioni – Le crepe dell’anima”. Oltre il giudizio

Roma, Teatro Lo Spazio, dal 15 al 18 febbraio...

MICHELLE, DA VERCELLI ALLA CONQUISTA DELLA FOTOGRAFIA

Vive in una piccola realtà in Provincia di Vercelli,...