BOLLE DI SAPONE. Fragili, confusi e infelici

Data:

Roma, Teatro Brancaccino, fino all’ 1 dicembre 2019

Delizioso lo spettacolo in scena al Teatro Brancaccino fino all’1 dicembre. Bolle di sapone è un affresco delle moderne alienazioni di cui tutti siamo vittime negli alveari delle nostre città, della solitudine che ci attanaglia e non ci fa compiere un passo verso l’altro, fosse anche un vicino di casa, senza necessariamente scomodare integrazioni cultural-religiose. Due persone comuni, terribilmente comuni, sono quelle stupendamente rappresentate dai due bravissimi attori, Grazia Capraro e Daniele Paoloni. Due come noi. Forse, ma solo forse, più ossessionati di noi che guardiamo, dalle proprie fobie, timidezze, ipocondrie, diffidenze. Un uomo e una donna qualunque, di cui non si conoscono nemmeno i nomi, che si incontrano casualmente su una panchina e questo fatto sconvolge le loro grigie e ripetitive  quotidianità. Fragilissime bolle di sapone, azzeccatissimo il titolo, trasparenti, quasi invisibili, che incontrandosi potrebbero unirsi o rompersi definitivamente.

Davvero bello il testo di Lorenzo Collalti, che con un ritmo vertiginoso ci porta nelle vite dei personaggi e riesce ad esporre e farci riflettere sulle quotidiane paure che condizionano le nostre vite, impedendoci l’incontro reale con l’altro. Bolle di sapone è uno spettacolo sì divertente, ma attraversato da un filo di dolorosa angoscia, di irrimediabili perdite di occasioni relazionali autentiche, dove paradossalmente (e tremendamente vero)  un account tenta disperatamente e inutilmente di sostituirsi alla vita reale. Molto bella anche la regia, che asseconda il ritmo narrativo con movimenti scenici di assoluto impatto. Dal taglio tipicamente off, Bolle di sapone è un piccolo gioiello di grande armonia, toccante, giovane, intelligente, con cui autore ed interpreti riescono nell’impresa di raccontare, tra risate e sorrisi, in un gradevolissimo vortice, l’assurdità delle contemporanee diffidenze che ci separano. Bolle di sapone che vagano senza incontrarsi mai. Assolutamente da vedere.

Paolo Leone

Roma, Teatro Brancaccino, fino all’ 1 dicembre 2019
Produzione Khora Teatro in collaborazione con “L’uomo di fumo” presenta:
Bolle di sapone, scritto e diretto da Lorenzo Collalti. Con Grazia Capraro e Daniele Paoloni. Scene e costumi di Silvia Romualdi.
Si ringrazia l’ufficio stampa del Brancaccino nella persona di Monica Menna e quello della Compagnia nella persona di Maresa Palmacci

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

INTERVISTA DI EMANUELE TONELLI A DI BELLA ANGELO

Perché lei predilige la pittura, non le sembra un...

Il milanese Premio Fersen sbarca a Roma

Moderni epigoni della nostra un tempo gloriosa drammaturgia, oggi...

Benvenuti alla 75° edizione del Festival di Cannes

Il 17 maggio è iniziata la 75° edizione del...

FERNANDELLE, UNA PANTERA NERA SOTTO I RIFLETTORI

“Io e la fotografia andiamo molto d'accordo, sono a...