Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

“ETILENE”: A TU PER TU CON LORENZA

Data:

Lorenza Rocchiccioli è una giovanissima artista della provincia di Lucca. Figlia unica, si diploma al liceo linguistico. Ha una grandissima passione per la musica e il canto fin da piccolissima. Uno dei suoi primi regali fu un  microfono con le luci che illuminavano tutta la stanza. Ama ballare, cantare e tutto ciò che è arte. Ha studiato per dieci anni Hip Hop e da 12 anni studia canto accompagnandosi anche con il pianoforte. Attualmente frequenta il secondo anno al M.A.S ovvero il centro di formazione per lo spettacolo più grande d’Europa. Ha avuto diverse esperienze musicali sia a livello nazionale che internazionale. Quella che però le è rimasta particolarmente nel cuore è stata esibirsi al Teatro Ariston durante la finale internazionale del Sanremo Junior. Il suo stile musicale è un misto tra Soul, Pop e R&B. “ETILENE” è il titolo del suo nuovo brano, uscito il 29 gennaio scorso. Un brano molto particolare e bello.

Ciao Lorenza, benvenuta al Corriere dello Spettacolo. Ti faccio i miei complimenti per questa canzone e per la tua voce. Ma iniziamo subito da questo singolo. Parlami di Etilene?

Innanzitutto, grazie per il complimenti! Etilene è nato nel momento in cui ho deciso di cambiare la mia vita e trasferirmi a Milano, per seguire il mio sogno di far musica. Per questo mi sono trovata a Milano, in questa città grande, che mi ha accolta e sollevata da quella situazione di disagio, tipica di chi decide di trasferirsi in un’altra città, lontani dal luogo in cui sei nata e cresciuta e dagli affetti cari. E proprio in questa canzone ho voluto rappresentare tutto questo e lo stato d’animo. Per tale ragione nasce il titolo “Etilene”, volevo rappresentare i sentimenti che si scatenavano dentro, dalla paura al fatto di essere da sola e quindi spaesata, seguita dai mie sogni e la voglia di fare. Milano mi ha accolta nella sua bellissima realtà.

Immagino il momento vissuto. Non è facile trovarsi una città in cui non conosci nessuno, con cui non hai legami, e quindi il grande disagio che si prova davanti a una situazione del genere, ma penso che l’accoglienza delle persone sia importante?

Sì! E’ stata fondamentale, sia da parte dei compagni e sia parte degli insegnanti, ho conosciuto delle persone veramente eccezionali, che mi hanno aiutata a superare l’ansia iniziale.

So che non scrivi da molto tempo e ti chiedo: com’è stata la tua esperienza d’autrice?

E’ sempre una cosa nuova e particolare, ma bella, anche perché non sai cosa ti viene fuori.

Come ho detto nell’introduzione, la passione per la musica è iniziata da piccolissima e oggi ci troviamo qui con il primo singolo d’esordio e questo è un momento bello, fantastico, soprattutto perché si è realizzato il tuo sogno. Come pensi di proseguire questo percorso intrapreso?

Attualmente voglio continuare a formarmi e infatti sto studiando di tutto, canto, recitazione, ballo, strumento e così via. E poi spero di incidere presto un mio album.

A tante persone e tuoi amici che hanno vissuto la tua stessa esperienza, questo brano è molto piaciuto, vi ci sono ritrovati loro stessi, la loro vita nelle tue parole. Mi permetto di dire che lanci un messaggio molto forte, cioè non fermarsi mai davanti alle difficoltà, a ciò che comporta un sacrificio, come quello di andare via dalla propria città, superare tutto per inseguire i propri sogni. Ciò è una cosa bella, un grande messaggio.

La mia esperienza – come per tutti coloro che l’hanno vissuta – è veramente di grande impatto, ma tutto è necessario per realizzare i propri sogni, a cui non dobbiamo rinunciare, e quindi bisogna sempre combattere e tenere duro.

Al momento c’è una manifestazione a cui vorresti tanto partecipare?

Sì! Mi piacerebbe partecipare al Festival di Sanremo nella categoria nuove proposte. E’ il mio sogno da sempre.

E io, salutandoti e ringraziandoti del tuo tempo, ti auguro un grande in bocca al lupo e l’augurio di trovarti un giorno sul palco del Festival di Sanremo.

Giuseppe Sanfilippo

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

4 MAGGIO 1949 ORE 17,03

In quel periodo l’Italia era uscita dalla Seconda guerra...

SILVIA & CLAUDIA, GLOBETROTTER PER VOCAZIONE

C’è un filo rosso che unisce la loro amicizia...