Tazio Fabbri, dal mondo del calcio a quello social

Data:

Tazio Fabbri, classe 1992, nato a Bentivoglio da padre italiano e madre brasiliana, muove i primi passi in Italia, dove scopre la sua passione immensa per il calcio. Cresce nel settore giovanile del Mezzolara Calcio, a 15 anni quel raduno con il Milan academy e a 17 anni inizia il suo percorso in serie D. Da qui in poi Tazio viaggia tanto, sempre con nuovi stimoli e riesce ad inserirsi in Svezia e in Romania a livello professionistico. Non riesce ad imporsi come vorrebbe a causa di tanti infortuni che lo costringono spesso e volentieri a continui stop. In questi ultimi due anni Tazio continua a viaggiare tanto in tutta Italia e non solo per motivi personali. Grazie al suo carattere riesce a crearsi una grande quantità di amicizie, molte anche di un certo calibro. Inizia a prendere forma così la sua scalata su Instagram dove ottiene un grande seguito inaspettato e prende forma il soprannome ‘’trottola’’. Racconta: “Ho avuto un grande rammarico nel non aver continuato la mia carriera a livello calcistico per vari motivi. Sinceramente ho pensato di viaggiare tanto, perché avevo bisogno di nuovi stimoli nella mia vita e non mi aspettavo di certo tutte quelle novità che sono arrivate anche nel social network Instagram, tra cui una collaborazione per me molto importante con un brand noto interrotta a causa di questo brutto periodo di Coronavirus che ci sta segnando. Ho raggiunto un’elasticità mentale grazie a tutte queste esperienze che mi permette di fare fronte a tante situazioni e una sicurezza in me stesso che nessuno mai potrà togliermi. Sono un po’ in stand bye in questo momento della mia vita, ma sicuramente tornerò con tante novità.”

Ricapitolando, chi è Tazio Fabbri ?

Sono una persona allegra di gran cuore, diretta, ambiziosa, scaltra e con una spiccata personalità che prima non riuscivo a mostrare per via delle tante insicurezze. Allo stesso tempo ho anche tanti difetti, ma nessuno di noi è perfetto. Nonostante abbia sempre odiato la scuola alla fine sono riuscito a diplomarmi in lingue e come detto da voi anche in precedenza ho avuto un passato da calciatore costellato da tanti infortuni e da una testa abbastanza calda, per non essere volgari, ehehe… Non escludo un ritorno nel mondo del calcio, perché ho comunque 28 anni e attualmente sto lavorando in territorio svizzero e progettando tante belle cose per tornare alla grande su Instagram.

Come sono stati i primi passi su Instagram?

Non me ne sono nemmeno accorto sinceramente, perché ho avuto una crescita esponenziale e mi sono ritrovato in un mondo tutto nuovo per me e in breve tempo anche collaborazioni tra cui una importante che ho interrotto solo quest’anno. Ho preso parte per due o tre volte ad un talent contest televisivo e fatto amicizie importanti a cui tutt’ora sono legato.

Ti vedresti nelle vesti di personaggio televisivo?

Sinceramente non ci ho mai pensato, a parte negli ultimi due anni, quando confesso che l’idea ha preso forma nella mia testa. Comunque sì, mi ci vedrei anche se non ho tutt’ora le idee ben chiare.

Come immagini il tuo futuro e quali sono i tuoi desideri?

È difficile programmare ora vista la situation, ma sicuramente non appena le acque saranno più tranquille tornerò ad essere più produttivo in tutti i campi. Mi piacerebbe anche riprendere a giocare a calcio vista la passione che ho per questo sport e allo stesso tempo vedremo cosa ci riserverà il futuro in questo momento incerto.

Alessio Mattarese

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Daniel Noè è Mr. Universo ICN 2023

  Toscano, classe 1996, personal fitness trainer, atleta bodybuilder e...

Cristel Rampado, dalla bici alla passerella

Un passato da ciclista professionista, un presente da aspirante...

Con “The Family” del Teatr Semianyki prosegue a il programma di TSDanza 3.0

Trieste, Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia...

A CHIAVARI SI DANZA TRA MARE E CULTURA

“Dopo il successo delle scorse edizioni, ritorna il Chiavari...