LA XXVII EDIZIONE DEI SOLISTI DEL TEATRO ALLA FILARMONICA ROMANA. MUSICHE CELEBRI ED AUTORI FAMOSI DEL XX SECOLO

Data:

Abbiamo assistito ,per la “Settimana RAINBOW”,ovvero il simbolo degli aderenti all’associazione LGBT,a due buoni spettacoli riservati a due tipi diversi di sonorità caratteristiche del secolo scorso,ovvero il tango ed il blues.I l primo d i senti Emiliano Metalli era stato scritto per Carlos Gardel,autore di gloriose canzoni sentimentali e nostalgiche nell’ARGENTINA della prima metàdel Novecento e morto in un drammatico incidente aereo in fase di decollo a Medellin il 24 Giugno 1935.Rievocata è stata pure la suaambigua ed equivoca esistenza,in cui egli fingeva di amare una donna poco piacente,per sottrarsi alla seduzione del gigolò Jan,impersonato da Giorgio Iacono,nonché del suomanager e produttore Lipera,autrein partecipazione a qauattro mani delle sue composizioni sonore e dei suoi films, che gli aveva fatto ottenere un contratto dalla casa discografica newyorkese “Viktor”.La parte l’ha sostenuta Rotolo Schifone,mentre la madre francese Berthe,incarnazione pure delle mille sfaccettature della verità era rivestita dalla brava Masaria Colucci.Ia.Metalli sulla scena ha sostenuto simbolicamente,come muto manichino,il ruolo dello stesso Gardel ascoltando i monologhi e dialoghi arrabbiati e melò,sottolineati dalle struggenti musiche e dai tanghi avvinghiati.Il secondo lavoro,un po’ meno meno elevato e con una minore sequela di pubblico,riprendeva un testo di Magdalena Barile ed era dedicato alle grandi cantanti del blues,quali Bessie Smith,B illie Holiday,Nina Simone ed Etta James,che urlavano con le loro ugole la disperazione e la rabbia delle loro vite insoddisfatte e frustrate,annegate nell’alcol e nelle sostanze stupefacenti con una tragica fine autodistruttiva.La parte innocente e fiduciosa,apollinea di costoro er a suonata da Flavia Ripa,mentre la funzione svelatrice della disgregazione psichica e dell’alienazione esistenziale era stata assunta con malinconica hungry da Roberta Lidia De Stefano,ideatrice dell,o spettacolo in nome della sorellanza spirituale con l’ideatrici del genere,sfogo del loro immenso dolore.In tale ottica sono stati riascoltati i migliori pezzi classici del loro repertorio,entrati ormai nel firmamento stellare per il sentimento e le problematiche sociali e civ ili che trattavano.Ora la rassegna di “Teatro ‘91” si ferma per la consueta pausa di Ferragosto e riprenderà il 17 per gli amanti della coreografia con la danza moderna,mentre il 20 si terrà un galà assemblato di balletti della sfera classica.

Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Il “rap colto” di Murubutu al Me di Roma

Venerdì 31 agosto ore 21.00, Ristorante Centro d’Arte Me Venerdì...

“Mu”. La raccolta di poesie di Nunzio Di Sarno

Le prime parole che troviamo ad aprire la raccolta...