Rosa Di Martino (Terza Classificata). I protagonisti della IV edizione del Premio Pierluigi Galli

A seguire le liriche di Rosa Di Martino, terza classificata al nostro premio di Poesia.

 

 

Cantami a te 

Sfiorami piano la pelle

come la luna

accarezza nel buio le stelle

e cantami a te.

Ti canterò anch’io!

Con gli occhi

e le mani.

ti condurrò tra le rughe

che scrivono il tempo

nelle albe

fecondate di luce

e ti amerò…

come il mare

abbracciando la riva

la bagna di sale

e ad ogni onda tace

lasciando parlare il piacere.

 

 

Racconterà l’aurora 

Scie di luce

si spengono a sera

nell’aria

che imbuia

e il giorno scolora

leggera.

Predatori di parole

i miei pensieri

scalzi

porgono abbracci

alla luna

e a mani nude

danzano il tempo

Racconterà l’aurora

se sei stato sogno

o pensiero soltanto

alito di vento,

presenza

o respiro.

 

 

Ricordo scucito 

Rughe che solcano il viso,

i graffi sulle murate,

segnano il tempo

i nodi percorsi

e i giorni

pieni di fiato.

Arenata alla secca,

inutile pezzo di legno

riecheggi

lo sciabordio dell’onda

e attendi

un soffio di vento

deciso,

una spinta

verso l’azzurro

bagnato di sole

al nascer del giorno.

È forte il richiamo

degli anni ribelli

delle notti di lampare

e di serenate alla luna…

Il ricordo scucito

di un bacio,

è l’invito

alla danza dei sensi

e all’amore

mai dimenticato.

A seguire le liriche di Rosa Di Martino, terza classificata al nostro premio di Poesia.     Cantami a te  Sfiorami piano la pelle come la luna accarezza nel buio le stelle e cantami a te. Ti canterò anch'io! Con gli occhi e le mani. ti condurrò tra le rughe che scrivono il tempo nelle albe fecondate di luce e ti amerò... come il mare abbracciando la riva la bagna di sale e ad ogni onda tace lasciando parlare il piacere.     Racconterà l'aurora  Scie di luce si spengono a sera nell'aria che imbuia e il giorno scolora leggera.…

0

User Rating: 4.65 ( 1 votes)

<h2>Leave a Comment</h2>