10 -43  Il tempo (prima) di Planck. Poesie di Gianpiero Stefanoni

Data:

10 -43   IL TEMPO (PRIMA) DI PLANCK*

o dell’Alleanza

 

Hai voluto essere

asimmetrico, per condividerTi

fuori dell’oceano di energia infinita:

ora pioggia di secoli

(sopra la roccia nera)

ora molecola opaca

nella tua segreta necessità:

finalmente aminoacido

nel primo mattone vivente,

la mano adesso ti pensa,

l’uccello ha il suo canto per sempre

espanso e a te soggiacente.

 

* – L’era di Planck in cosmologia è il brevissimo periodo della durata del tempo di Planck, compreso tra l’istante zero della storia e 10 -43 secondi dopo il big bang. Prende il nome dal fisico tedesco Max Planck.

 

 

 

 

GENESI

per Marc Chagall

 

Ti strappiamo l’elegia dalla carne angelo blu,

tu che vuoi dal cielo silenzio.

 

Una volta qui ci si veniva a ballare,

la sala ferma nella geologia dello sguardo,

la bocca, tutto ciò che si nasconde, in ciò che vive,

il tramonto, la rotazione, il perché

nell’entrata del corpo nelle acque.

 

È un bene l’uscita dell’uomo dalla donna.

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Fabiana Macaluso e Chiuto incantano il Parco Dora di Torino

Fabiana Macaluso non smette mai di stupirci, da poco...

Se il marmo di Carrara diventa Marmo da fotografare

Una location unica nel suo genere come quella dei...

Si è conclusa la quindicesima edizione del Premio nazionale di poesia

Roma 6 maggio 2022: Si completa, con l’assegnazione degli...