Talk to me, un classico film horror hollywoodiano

Data:

 

Se volete vedere un classico film horror hollywoodiano buttato a caso questo è il film che fa per voi. Nulla di più e nulla di meno, è un piacevole film da guardare ma se avessi speso anche solo €5 di biglietto mi sarei più che lamentato, perché il film non offre nulla di più che i classici Cliché da film con spiriti, demoni, mostri, presenze ultraterrene e senza dover fare spoiler di alcun tipo, anche il finale è così un cliché che oramai mi viene da pensare, se spesso i registi riportino semplicemente in auge vecchie memorie o hanno davvero la voglia di voler lavorare a dei film. Cercherò di parlarvi della trama nel miglior modo possibile, Il film inizia con i primi minuti senza far capire cosa sia accaduto, si vede solamente una persona che impazzisce senza capire perché, ad un certo punto si parla di tutto e di nulla, si mostra sullo schermo tutto è nulla e si parla e si vede il nulla in un certo senso, cioè si vedono semplicemente dei comportamenti e adolescenziali, piccoli litigi con la madre e con il padre ed infatti si inizia a sospettare se magari invece di andare a vedere un film horror si sta vedendo un film drammatico o romantico. Dopo poco si inizia con la visione di una festa ed è là che inizierà il vero horror, la mano che fa parlare con i morti, che riesce a mettere in comunicazione con il mondo degli spiriti, dove si può parlare con questi spinti ma per circa un minuto e mezzo quindi naturalmente accade la solita cosa che qualcuno erroneamente riesce a stare un po’ di tempo in più ed ecco degli spiriti escono di iniziare a fare dei danni e qualcuno fa la solita sciocchezza, che si ritrova in ospedale e chi muore e chi cerca di voler salvare di nuovo le nuove vite. I segreti che a un certo punto escono fuori, tradimenti impossibili tra fidanzati e non fidanzate, diciamo che è il solito film adolescenziale americano, uno slasher come potrebbe essere un con qualsiasi film horror di fine anni 70 fino a metà anni 80 ma con la differenza che invece di essere fatti in maniera carina come allora, qua si toccano quasi sempre le stesse argomentazioni, certo anche il primo venerdì 13 era nato in maniera così blanda così come anche magari il primo Nightmare poteva non aver avuto quel grande successo che ci si aspettava inizialmente, così come anche il primo Scream e tanti altri film, ma poiché ci ritroviamo al giorno d’oggi e cioè il 2024 anche se il film è del 2023 con un film che oramai si ripetono e si ripetono sempre converrebbe portare qualche cosa di nuovo. Comunque il film non è affatto malvagio da 1 a 10 si meriterebbe quel 5 che lo fa passare anche a 6. Dunque merita la sufficienza? Visto a casa con degli amici sì abbondantemente, visto al cinema dovendo pagare un biglietto magari anche esoso assolutamente no!

Emmanuele Paudice

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Giuseppe Tamburello. Le poesie partecipanti al nostro concorso di poesia

  Si pubblicano le poesie di Giuseppe Tamburello, partecipante alla...

SASSOLINA, LA FOTOGRAFIA COME SFIDA

Questa è la storia di una donna elegante, femminile...

Claudia Costariol. La fotografia seduce con gli occhi

È iniziato tutto per gioco due anni fa, ma...