“La banda degli onesti”. Omaggio a Scarpetta

Data:

Mario Scarpetta, pronipote del grande commediografo e autore Eduardo, in occasione del centenario della nascita dichiarò: “la cosa più  difficile è stata quella di dimenticarsi di Toto.” L’ Adattamento teatrale di Mario Scarpetta fu autorizzato dagli sceneggiatori del film Age e Scarpelli e mantiene praticamente immutata la struttura della sceneggiatura e presenta rispetto al film degli anni ’60 alcune modifiche pratiche. : “ Ho semplificato molto l’azione, ci raccontò  Mario Scarpetta, eliminando quando necessario alcune parti e alcune situazioni, come nel caso della rinuncia alla figura di Cardone, ,il pittore, che nel film era interpretato da uno splendido Giacomo Furia”. Da qui e con lo stesso criterio fu realizzata anche la scelta anche scenografica dei luoghi deputati dell’intreccio : la portineria e la tipografia.

Mario Scarpetta recitò questa commedia l’ultima volta nel 2004, poco prima della morte e dopo una lunghissima tournee’ durata anni. Infatti alla fine del primo spettacolo al teatro Totò di Napoli (che non a caso produce lo spettacolo) Gianni Ferreri e l’intero cast dopo i saluti omaggiano Mario Scarpetta e ricordano il suo ultimo spettacolo.  Oggi dopo 13 anni in ricordo di Toto’ e di Mario Scarpetta viene riproposto questo allestimento con la direzione di Gaetano Liguori e nei ruoli principali gli attori Gianni Ferreri e Anna Falchi, Davide Ferri ed Eduardo Scarpetta ( figlio di Mario) più altri 5 attori.

Incurante di logiche e sintassi, s’esalta al gioco delle battute e delle improbabili situazioni ed esalta il gioco di ottimi attori eredi di una tradizione antica come Gianni Ferreri e Davide Ferri. In coppia affiatata e veloce sono irresistibili architetti della risata e del gesto, coppia vincente non si cambia.

Famiglia di pochi mezzi e molte necessità i protagonisti s’arrangiano a metter su una stamperia di danaro che non darà loro altri frutti che ansie, intrecciando la storia truffaldina con una tenera storia d’amore, quella tra i due figli dei due amici. Tutto, come si conviene, si risolverà bene, un bellissimo e commuovente lietofine, tra risate mai sguaiate, un palco girevole di tutto rispetto, ottimi costumi, sentita recitazione e una storia tanto divertente tanto scorrevole.

Marco Assante

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Altera Domus, la prestigiosa associazione rischia di perdere la sua storica sede

  Un momento complicato per l’associazione Altera Domus, che per...

L’importanza delle biografie…

  Abbiamo fatto quattro chiacchiere col giornalista e scrittore Paolo...

FESTIVALFLORIO: annunciate le date!

L'ottava edizione della manifestazione culturale dell'isola da Favignana, cancellata...