La regia di Gianfranco Nanni per “Il gabbiano” ripresa da Manuela Kustermann nel cinquantesimo de “La fabbrica dell’Attore”

Data:

Trieste, Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Sala Assicurazioni Generali. Dal 17 al 21 gennaio 2018

Il gabbiano, ovvero quanta strada ha fatto Cechov per arrivare a Yokohama? è uno spettacolo di vent’anni fa riproposto in occasione del cinquantenario dalla fondazione, da parte di Giancarlo Nanni, della Compagnia dell’Attore diretta ora da Manuela Kustermann, sua compagna nella vita e in scena. Artista dalla formazione poliedrica, con interessanti conoscenze lontane dallo specifico ambito teatrale, aveva realizzato questa regia dopo uno studio triennale nel quale gli attori che ne facevano parte allora erano stati coinvolti per condividerne in modo attivo il percorso, prima tappa di un lungo viaggio che, passando per l’Actors Studio sarebbe giunto fino all’Università di Tokyo. Gli stessi interpreti sono ora di nuovo in scena, riuniti per rendere omaggio alla sua memoria. Soltanto i ruoli dei giovani Nina e Kostia sono stati affidati ad altri.

Quella offerta al pubblico risponde appieno a tale caratteristica essendo una messinscena a più dimensioni, distillato di riflessioni portate avanti a lungo di fronte a platee di spettatori, di studenti e di allievi e, perciò ancora più meditate. Vi si riconoscono una commistione di arti e una molteplicità di linguaggi usati (non ultime alcune intersecazioni tra russo e italiano operate da Nina 1 e Nina 2), ma anche per lo svelamento dei tantissimi livelli interni al testo di Anton Cechov.

L’elemento simbolico tanto caro all’autore russo è qui altamente presente a sostegno di un susseguirsi di soliloqui dotati saltuariamente di una qualche tonalità dialogica cui si aggiunge un’ombra clownesca melanconica e struggente, onnipresente in una rappresentazione sospesa nel tempo e in un luogo definito soltanto dalle parole dei personaggi, inconoscibile per il resto allo spettatore, non essendoci nulla in scena se non oggetti e costumi teatrali.

C’è una pressione interna repressa che, quando si risolve, assume le sembianze di una violenza che però non porta niente, quasi fine a se stessa.

Sospeso su tutto e contemporaneamente nucleo strutturale dell’intero dramma ci sono il teatro, l’artista, l’interprete, il rapporto con il pubblico, la necessità di un costante rinnovamento opposto all’abitudine di mettere in scena sempre le stesse cose.

L’interpretazione di tutti, a partire dalla grandezza di Manuela Kustermann, è essenziale nel senso che tutti appaiono come portatori dell’essenza più profonda dei singoli personaggi, liberata da qualsiasi inutile orpello. Il loro essere scalzi ne è simbolo efficace.

Paola Pini

Trieste, Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia
Sala Assicurazioni Generali
Dal 17 al 21 gennaio 2018
IL GABBIANO
ovvero quanta strada ha fatto Cechov per arrivare a Yokohama?
di Anton Cechov
Personaggi e interpreti
Irina Manuela Kustermann
Trigorin Paolo Lorimer
Sorin Massimo Fedele
Mascia Sara Borsarelli
Dorn/Medvedenko Maurizio Palladino
Nina 1 Eleonora De Luca
Nina 2 Anna Sozzani
Kostia Lorenzo Frediani
scene e costumi Giancarlo Nanni
luci Valerio Geroldi
assistente alla regia Gaia Benassi, direttore di scena Danilo Rosati
regia
Giancarlo Nanni
ripresa da
Manuela Kustermann
Produzione Centro di Produzione Teatrale La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Sesto Quatrini, il ritorno a Genova di un giovane direttore

Maestro, intanto  bentornato a Genova!  La abbiamo ascoltata con...

La Compagnia Orfeo ritorna a Trieste con “Animali da bar”, impudente e tenera commedia

  Trieste, Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia...

“Acini di Sangue”, il nuovo libro di Massimo Triolo

Ricordiamo che il giorno sabato 29 Aprile 2017, nella...

In partenza per Sanremo 2022: sarò nello spot Tv delle serate del Festival, ancora...

Tre parole. Pubblicità. Sanremo. Televisione. E' iniziato così il...