Convivenze difficili e promiscuità condominiali nella briosa commedia umoristica ”Sex e equivoci”

Data:

Al Teatro degli Audaci di Roma, fino al 21 ottobre 2018

La vita in un palazzo è spesso anonima e difficile perché ci s’ignora a vicenda,ci si saluta distrattamente con noncuranza,pensando solo a reciproche lamentele per i minimi disturbi od inconvenienti e liti per divisioni millesimali sulle spese di bilancio d’esercizio e dei lavori. Tuttavia in costruzioni di pochi piani ci si può conoscere meglio, stabilire relazioni meno occasionali e confidarsi con l’anima importante dello stabile che è il portiere,come sosteneva lo scrittore G. VERGA nel romanzo ”In portineria”. Partendo da tale convinzione la brillante attrice e regista DANILA STALTERI ha realizzato la novità: sex e equivoci, in cui scandaglia realisticamente l’esistenza e la psicologia d’alcuni personaggi,come la fallita comica AMELIA PROIETTI ed il disilluso ALFONSO che, non essendo riuscito sul palcoscenico,s’è messo ad esercitare l’arte del meccanico con poche macchine da riparare, in quanto i cinesi hanno prezzi concorrenziali e lui finirà per acquistare da loro pezzi di ricambio dell’autovetture. Amelia per guadagnare s’è inventata una “hot line” e si diverte a far sognare eroticamente i suoi clienti tra cui la giovane Chicca che la disturba continuamente poiché il suo latin lover non si decide a rompere con la propria compagna. Stando al telefono dalla forma fallica,in perenne attività ludica, ALLEGRA( Il nome di lavoro di AMALIA), si dimentica le faccende di casa come lavare la biancheria e stirare e preparare da mangiare,sottoponendosi all’ingiurie e vessazioni del suo più giovane e violento partner che si considera non ospite ma padrone della situazione,per il bisogno d’affetto d’AMALIA come in pericolosamente,di Eduardo De Filippo.Le scenate di rancore e gelosia,le percosse ed i maltrattamenti,si ripetono finché Allegra s’imbatte in un fantastico aristocratico Don GIOVANNI dal nome pomposo d’Ulisse Arnaldo della Gherardesca, che non è che un millantato credito per Nando timido, inetto ed inattivo figlio cinquantenne della portiera, che presto lo getterà nello sconforto per la sua dipartita. Per consolarsi egli troverà la forza di presentarsi ad AMALIA con il fiore della passione in mano e tutto cerimonioso per la sua supposta nobiltà,ma verrà presto smascherato e con lui tutte le ipocrisie montate fino ad allora da una finalmente decisa e coraggiosa Amalia. Come finirà? Naturalmente non ve lo diciamo, salvo che nel quartiere ci sarà un’importante svolta domestica.

Susanna Donatelli e Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

ILARIA MUNTONI, UNA FOTOMODELLA IN RAMPA DI LANCIO

Ha iniziato questa avventura quasi per caso, ma adesso...

Masaniello al teatro Sannazaro di Napoli

E’ stato lo spettacolo “Masaniello” ad inaugurare la stagione...