Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Rispettiamo l’Italiano. Rubrica di Martina Naccarato “Tutt’ora o tuttora?”

Data:

Nell’italiano contemporaneo è più frequente la grafia tuttora, cioè quella univerbata (senza apostrofo), mentre quella separata che prevede l’utilizzo dell’apostrofo risulta antiquata e poco diffusa, ma non per questo scorretta.

Martina Naccarato

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

A Pescara, Abrakadabra for Kids, gran galà della magia per bambini

La favola magica dell’illusionista Ivan Mistereko e i suoi...

Gianluca Testa è un “Nomade digitale”

Gianluca Testa è un instancabile viaggiatore, che non a...

Parte Napoli in Danza

Dal 6 al 10 luglio il festival “Napoli in...