Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

“Il castello incantato”: la bella musica di Marco Taralli trasforma in opera una fiaba di Andersen – In scena a Trieste fino al 26 febbraio la nuova commissione del Teatro Lirico Giuseppe Verdi

Data:

Trieste, Teatro Lirico Giuseppe Verdi. Dal 19 al 26 febbraio 2019

“Il castello incantato” è una bella e fresca nuova opera, commissionata a Marco Taralli dalla Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, dove in questi giorni va in scena.

Si ispira a “Il soldatino di stagno” di Hans Christian Andersen e da esso trae, oltre al soggetto, i toni buoni, teneri e delicati che caratterizzano i racconti sgorgati dall’anima sensibile e profonda dell’autore danese impreziositi, come l’originale da cui è tratto, da una lieve ombra struggente.

Nell’ouverture giocosa e fantastica, in cui già si presagiscono i colori ambientali che verranno e che preparano emotivamente il pubblico, numerosi flussi melodici appaiono e scompaiono combinandosi con grazia.

Il sipario si apre su un’ampia sala, dove alcuni giocattoli giacciono al momento addormentati.

È la vigilia di Natale e l’autorevole e benefica Fata (Selma Pasternak), creatura lunare, affida al generoso e un po’ ingenuo Folletto Fiordarancio, (Paolo Ciavarelli) i preparativi per la festa, assieme a una scatola contenente i nuovi arrivati: tanti bei soldatini di stagno.

L’entusiasmo dei vecchi balocchi lascia presto spazio alla sorpresa e alla curiosità suscitata dalla vista dell’ultimo di loro, il nobile Piombino (Motoharu Takei), privo di una gamba, che subito si innamora di Stella, la gentile ballerina muta (Cler Bosco), una creatura similmente provata dalle circostanze e, come lui, più fragile degli altri.

Ogni narrazione necessita di antagonisti, rappresentati qui dal “giocattolo dimenticato”, il luciferino Jack in the Box (Andrea Binetti), e dalle vanitose e vacue tre matrioske: Brunetta (Elena Sabas), Rossella (Silvia Pasini) e Biondina (Elena Serra).

Uno scherzo crudele sembra portare alla tragedia, ma grazie alla magia del Natale e alla potentissima “polvere polare” il lieto fine è assicurato.

La regia di Francesco Esposito (autore anche delle scene) è un meccanismo a orologeria che ben interpreta la drammaturgia corale dell’opera; ha un ritmo costante e sostenuto che si integra alla perfezione con l’originale musica di Marco Taralli, dichiaratamente inserita “nel solco tracciato dalla nostra importante tradizione lirica”, che incanta e coinvolge il pubblico di ogni età, fatto questo non semplice né scontato.

I costumi di Elena Gaiani sono belli, variopinti, dai colori accesi e curati nei dettagli.

Bravi gli interpreti; ognuno esprime al meglio la personalità del personaggio e colpisce la bravura di Motoharu Takei nel cantare, seppur brevemente, senza appoggiarsi a nulla.

Il coro femminile, preparato con l’abituale perizia da Francesca Tosi, interpreta il gruppo di soldatini non ancora usciti dalla scatola che, a breve distanza e al centro della scena, commenta e partecipa, sottolineando con i propri interventi i momenti più intensi della vicenda.

La direzione di Takayuki Yamasaki è chiara, lineare e in linea con il soggetto, dando il giusto rilievo alle voci e all’Orchestra, impegnata nell’esecuzione di una partitura articolata che ha il pregio di apparire lineare all’ascolto pur senza esserlo dal punto di vista tecnico.

La magia della fiaba è ampiamente trasmessa in questa messinscena corale, dotata di equilibri sottili e ben bilanciati.

Piace pensare che Hans Christian Andersen l’avrebbe gradita.

Paola Pini

Trieste, Teatro Lirico Giuseppe Verdi
Dal 19 al 26 febbraio 2019
Il castello incantato
Fiaba musicale in un atto di Marco Taralli
Liberamente tratta da Il soldatino di stagno di Hans Christian Andersen
Libretto di Fabio Ceresa
Nuova commissione della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste
Maestro concertatore e direttore
Takayuki Yamasaki
Regia e scene di Francesco Esposito
Costumi di Elena Gaiani
Coreografie di Morena Barcone
Maestro del Coro: Francesca Tosi
Personaggi e interpreti
La Fata del Natale (soprano): Selma Pasternak
Il Folletto Fiordarancio (baritono): Paolo Ciavarelli
Piombino (tenore): Motoharu Takei
Stella (ballerina): Cler Bosco
Jack in the box (baritone): Andrea Binetti
Brunetta (soprano): Elena Sabas
Rossella (mezzosoprano): Silvia Pasini
Biondina (contralto): Elena Serra
Nuovo allestimento in coproduzione con la Fondazione Teatro Comunale di Modena
Foto di Fabio Parenzan
Calendario
Martedì 19 febbraio 2019 ore 11.00 e ore 18.00
Mercoledì 20 febbraio 2019 ore 11.00 e ore 18.00
Giovedì 21 febbraio 2019 ore 11.00 e ore 20.30
Venerdì 22 febbraio 2019 ore 11.00 e ore 20.30
Sabato 23 febbraio 2019 ore 11.00 e ore 18.00
Domenica 24 febbraio 2019 ore 16.00
Martedì 26 febbraio 2019 ore 11.00 e ore 18.00

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati