“Tabù”. Screzi e rancori tra amiche in una strepitosa commedia

Data:

Al Teatro de’ Servi di Roma, fino al 13 ottobre 2019

Come ci s’evolve dallo stadio infantile e sensoriale per crearsi una propria personalità ed una chiara visione sul nostro domani, su ciò che vogliamo dalla vita? Non serve solo l’attenzione educatrice dei genitori, ma pure lo studio ed il rapporto umano con i coetanei, a parte il gioco per svelare le nostre inclinazioni e sensazioni emotive. Dunque su questi due punti fondamentali è impostata la divertente,mica tanto poi, pièce di A. Bonanni; focalizzata sul rapporto tra 5 amiche in una sala giochi, dove Marilù giunge con una” torta mimosa” preparata da sua madre per un compleanno che sarà sempre rinviato in attesa della cara Michela che tarda ad arrivare.Intanto si mettono a nudo,si scambiano segreti,paure e preoccupazioni, cercando consigli dalle altre.Viola è invano desiderosa d’un giusto amante su internet,ma i suoi contatti non durano a lungo: SOFIA è ossessionata dal suo matrimonio con MASSIMO in una grotta per stravaganza, avendo scelto una ciabatta a forma di fermacarte per bomboniera. Marilù è scontrosa perché la famiglia con le urla di mamma e nonna l’ha fatta diventare isterica con nonno e papà sempre davanti al televisore con le cuffie senza un dialogo capace d’alimentare i sentimenti. Alice è umile e dolce, ma presa in giro per le sue ossimoriche larghe fattezze,da ultimo c’è Ginevra hippy e giramondo. Le relazioni tra loro sono incentivate dall’intelligenza e furbizia, scaturite dal gioco tabù,per cui non si debbono pronunciare le parole proibite,ma trovare eleganti sinonimi, alternando satira e raziocinio in cui tutti gli spettatori possono riconoscersi,specie i giovani con le loro vibrazioni pulsive e progetti sognati;il limite è che il lavoro non giunge da nessuna parte e come in”aspettando Godot” di S. BECKETT, MICHELA non perverrà mai,ma saranno le amiche,raggianti per una buona notizia,ad andarla a trovare velocemente.La regia senza troppi problemi è di G.DE ANNA,mentre il brillante quintetto dialettico con ritmi serrati è formato da: C. DAVID, G. DI TURI, L. GIACOMETTI, L. SACCHETTO, N. SFERLAZZA. LA SCENOGRAFIA della ludoteca è di E. ESPOSTO e si assisterà a quanto avviene in essa fino al 13/10.

Susanna Donatelli e Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Poesie inedite del poeta Pietro Pancamo

Pietro Pancamo (1972) ha fondato e coordinato il portale...

Critica della società inglese aristocratica e mondana in “RUMORS”

Al Teatro San Genesio di Roma, La compagnia ”Sogni di...