IRIS CRISE’. Una studentessa di ingegneria si trasforma in Iris Crisè

Data:

Nella vita di tutti i giorni è Simona Murè, 22 anni, studentessa di ingegneria alla facoltà di Cassino nella sede distaccata di Frosinone, dove attualmente vive. Sui social – e sul set fotografico – si trasforma in Iris Crisè, un’autentica esplosione di fascino e femminilità che le ha permesso di essere conosciuta un po’ dappertutto. Colori accesi, corpo da favola e adrenalina sempre in circolo. “Ho sempre avuto la passione per la moda e la fotografia, da piccola guardavo le riviste di moda sognavo di essere io su quelle pagine”. Appena ne ha avuto l’opportunità – e l’età per poter decidere da sola – ha cominciato con piccoli servizi fotografici, sia con fotoamatori che in studi fotografici. Un’avventura che dura ormai da tempo, le ha permesso di spaziare in ambito fotografico e di togliersi delle belle soddisfazioni.

Ad esempio…

Lungo questo percorso, ho avuto modo di incontrare parecchie persone, e da ciascuna di esse ho imparato qualcosa in più su questo mondo. Le collaborazioni sono diventate progressivamente più interessanti e proficue, fino a essere pubblicata in editoriali su alcune riviste americane, e avere foto che mi ritraggono, esposte in gallerie internazionali. Adesso il mio obbiettivo, anche se potrebbe sembrare banale, è vedermi su qualche cartellone pubblicitario, e sono sicura che con impegno e costanza, prima o poi ci arriverò!

Tu fai una distinzione netta fra “scatti” e “foto”.

I primi sono immagini fini a se stesse, mentre la fotografia è, per me, l’arte di fissare un istante ben preciso nel tempo, trasmettendo un’emozione, un concetto ed un messaggio preciso.

Eppure molte ragazze si “accontentano” degli scatti…

Penso che chi nutre una passione non debba mai rinunciare ad essa e non permettere mai a nessuno di farsi scoraggiare, quindi mi sento di dire, alle ragazze che coltivano come me questa passione ma che non hanno trovato il coraggio di tentare, di farlo, usando la testa e facendosi consigliare.

Non solo fotografie per Iris Crisè…

Sono stata protagonista di un cortometraggio e di un videoclip musicale, oltre ad aver fatto qualche comparsa sempre in video musicali; visto il mio percorso di studi, non penso che nell’immediato io possa dedicare molto tempo a queste attività, ciò non esclude che in futuro non tenterò di fare strada anche in questo settore.

Come hai avuto modo di “conoscere” il mondo dello spettacolo?

Non giudico questo un ambiente marcio, come spesso viene dipinto, però è vero che per “sfondare” , oltre che talento e  fortuna, avere delle conoscenze aiuta. A onor del vero questo concetto è valido in quasi tutti gli ambienti lavorativi, quindi anche in questo caso, avere una persona onesta e fidata che possa seguire e guidare è consigliabile.

Che rapporto hai con i social?

Non mi reputo una social addicted, però allo stesso tempo, li uso parecchio per tenermi in contatto con vecchie conoscenze, e per farne di nuove, sia nell’ambito lavorativo come fotomodella che personale. Lavorativamente parlando, per me i social sono come una vetrina, un mezzo per rendersi visibili in maniera veloce e pratica in ogni angolo del globo, ma ovviamente non è l’unico! Anche perché, purtroppo, la facilità con la quale in essi si possano generare falsi e la relativa impunibilità di chi se ne approfitta nascosto/a dietro lo schermo di un pc o smartphone li rende poco affidabili.

Cos’altro bisogna sapere di te?

Uno dei miei difetti caratteriali, che però alcuni vedono come un pregio, è che sono diretta, certe volte anche troppo. Fisicamente invece, una piccola imperfezione dovuta ad un vecchio incidente ce l’ho, ma tolta questa mi piaccio così come sono. Ultimamente ho cominciato a maturare una passione per il ballo latino americano…

Come ti piace apparire nel quotidiano?

Ho dei gusti molto semplici per quanto riguarda l’abbigliamento: non mi piace essere appariscente, un jeans, una tuta… per me qualsiasi cosa mi stia bene addosso va bene. Adoro la comodità e la praticità nelle cose che indosso tutti i giorni. Per le serate l’eleganza è la parola chiave: un tacco, una gonna e gli accessori abbinati sono d’obbligo, come la cura nel make-up e dei dettagli.

Cos’altro bolle in pentola?

Sicuramente vorrei finire con successo il mio percorso formativo di studio e nel contempo continuare a migliorarmi professionalmente. Tra 10 anni? La vita è imprevedibilmente bella, perché preoccuparsi di quello che accadrà tra 10 anni…

Luca Fina

 

CONTATTI SOCIAL
https://www.facebook.com/iriscrisemod
@iriscrise
Foto Sandro Aliano @ Littlebear Visual Arts
Foto di copertina Marco Sommella

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Elena Rock, una vita a ritmo di musica

Quando la musica ti scorre nelle vene, è destino...

“La protesta”, paradossale e grottesca ribellione d’una anziana

Al Teatro Manzoni di Roma, fino all'11 giugno 2017 Gli...

Daniele Giordano intervista Umberto Palermo al Salone dell’Auto di Torino

https://youtu.be/4I2L7Xpv3rc Intervista Daniele Giordano Riprese e Montaggio Rudy Bernt