SVEVA CANTA IL MESSAGGIO D’AMORE DI LUCIO DALLA

Data:

Oggi ho il piacere di incontrare e intervistare la cantante Sveva Pia Laterza, Faenza, classe 2002. Una cantante che molti di noi forse ricordano bene per la sua partecipazione alla IV edizione di “Io canto” condotto da Gerry Scotti e andato in onda su Canale 5. Anche se giovanissima, ha un percorso artistico molto ampio. All’età di 8 anni si avvicina per gioco al canto, partecipando al coro parrocchiale e da autodidatta a 9 anni si distingue come solista, arrivando in finale al concorso nazionale Solarolo Festival edizione 2011, con la direzione artistica di Jonathan Paladini (Mediaset), piazzandosi al III posto della cat. under 16 con Mara Maionchi, Antonio Vandoni, Franco Fussi ed Emanuela Cortesi tra i giurati. Sempre nel 2011, vincendo a Padova il Festival Volavoce, conquista una borsa di studio e così comincia a studiare canto col tenore D. Vighesso. Seguono altre esperienze e riconoscimenti, tra cui nel 2012 nuovamente al Solarolo Festival con il 1° posto della sua categoria con la canzone “Il Terzo Fuochista di Tosca” e, con la stessa canzone, è finalista al concorso Tour MUSIC FEST, a Roma. Nel 2013 partecipa alla finalissima di giugno al Festival internazionale di Saint Vincent, dove viene “ascoltata” dal Vocal coach di Mediaset L. Pitteri. Si vede poi la sua partecipazione alla IV edizione di IO CANTO, nella squadra Cercato, esibendosi in 7 puntate e partecipando come solista al concerto di Natale Mediaset.

Ciao Sveva, innanzitutto è un piacere intervistarti. Ho riassunto brevemente la tua biografia. Anche se giovanissima, hai una lunga e bellissima biografia. Ti faccio i miei complimenti. Ho detto che hai iniziato a cantare per gioco, da qui è iniziato un grande percorso. LA PRIMA DOMANDA CHE TI VOGLIO FARE È: COSA VOLEVI FARE, AVEVI UN SOGNO O MEGLIO AVRESTI VOLUTO FARE ALTRO PIUTTOSTO CHE LA CANTANTE?

A dire il vero non saprei dire con esattezza. Probabilmente qualcosa che avesse a che fare con la letteratura oppure la storia dell’arte o storia della musica. Sai, avendo una madre pianista sono sempre cresciuta dentro questo clima in cui la musica era molto importante e quindi ha sempre fatto parte della mia vita.

IL FATTO DI NASCERE E CRESCERE IN MEZZO ALLA MUSICA TI HA INFLUENZATA NELLA TUA SCELTA?

Mi ha aiutata, più che influenzata, mi ha fatto scoprire questo mondo e aiutata ha capire che questo è il mio mondo.

Ho letto che sei appassionata di scrittura e a 9 anni hai scritto il tuo primo racconto. COSA TI A SPINTO A SCRIVERE ALL’ETÀ DI 9 ANNI E QUALE È IL TUO RAPPORTO CON LA SCRITTURA?

Sì! Mi è sempre piaciuto scrivere. Quando ero piccola avevo una grande passione per il fantasy. Infatti ho letto molte saghe, ad esempio fra le più classiche, Harry Potter e questo mi ha fatto nascere quel senso di creatività che ancora oggi rimane. Ciò che mi ha spinta a scrivere è stata la mia fantasia e la mia volontà di cercare di mettere su un foglio quelle immagini, quelle idee che avevo per la testa. Per testimoniare quello che immaginavo, dato che ho avuto sempre una grande fantasia e creatività.

Parlando ancora di scrittura, ricordiamo che hai iniziato a dedicarti alla composizione dei tuoi brani. Hai debuttato come cantautrice e il tuo primo inedito è “Una Volta”, singolo che consegue significativi riconoscimenti. Sei in Finale ad Area Sanremo 2018; sei in finalissima al Premio Mia Martini 2019; durante la promozione Radiofonica vai nella Top Ten classifica Indipendenti per diverse settimane e nella classifica Emergenti… e così via. Di recente hai lanciato la tua interpretazione di un grandissimo brano, scritto da Cris La Torre (nome d’arte di Cristiano Cremonini) con la partecipazione di Rick Portera, dal nome “Dalla finestra di Lucio”, dedicato alla memoria di Lucio Dalla, ma soprattutto tratto da una sua lettera. Un brano che sta avendo un grande successo anche grazie alla tua interpretazione. Un brano che ti ha conquistata. MI PARLI DI QUESTA TUA INTERPRETAZIONE E DEL TUO RAPPORTO CON LA MUSICA E LE CANZONI DI LUCIO DALLA?

Ho conosciuto Cristiano grazie al web, poi ho avuto il piacere di incontrarlo. Abbiamo Parlato di questo brano. Da qui è nata l’idea di interpretarlo. Così ho iniziato a lavorarci, cercando di plasmare il brano nel modo migliore, affinché potesse essere più mio possibile, adagiarlo – diciamo – al mio corpo come un abito. Fare ciò è stata una bella esperienza, poter interpretare un brano che mi piace veramente molto è stato bello, soprattutto perché dedicato a un Autore così importante per la musica italiana… è stato veramente un grandissimo onore e piacere. A livello musicale, io ascolto un po’ di tutto e ovviamente ascolto molto spesso il cantautorato italiano, mi capita di ascoltare Lucio Dalla, perché ne riconosco la grandezza e anche il genio musicale, lo apprezzo moltissimo, nutro molta ammirazione verso di lui. È anche per questo che sono molto contenta di aver interpretato un brano dedicato a lui.

Al momento stai studiando, mi hai detto che cerchi sempre di arricchire il tuo patrimonio culturale e quindi ti auguro un grande in bocca al lupo. Ti voglio salutare sottolineando che, anche se giovane, hai una grande biografia non facile da riassumere, ma ricordiamo che nel 2014 conquisti in Svizzera il Gran Prix al Festival Europeo di Locarno. Nel 2018 a Berlino sei stata ospite musicale alla Notte delle Stelle, evento della Berlinale, Festival internazionale del Cinema. Partecipi ad eventi musicali legati alla beneficenza: da 8 anni è fissa la tua presenza agli eventi musicali di raccolta fondi per l’Istituto Nazionale di Ricerca Oncologica Ramazzini di Bologna, insieme a numerosi artisti e big del panorama artistico nazionale. E mi fermo qui, perché non ci si fermerebbe mai, un grande grazie per questo tempo.

Giuseppe Sanfilippo

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Roberto Costa racconta 50 anni di musica

Da ben 50 nel mondo della musica, autore e...

Anglomania italica: il parere di Vittorio Coletti

Non molto tempo fa, Vittorio Coletti - famoso linguista, lessicografo...