Mariano Rigillo in “La miliardaria”

“La miliardaria” è una commedia brillante creata nel 1935 dalla fervente fantasia del grande George Bernard Shaw. La drammaturgia è stata per la prima volta portata in scena il 4 gennaio 1936 all’Akademietheater di Vienna per poi volare attraverso tutti i palcoscenici mondiali. La trama: La protagonista della vicenda è una sofisticata capricciosa multimilionaria. Epifania Di Parerga una ricchissima facoltosa italiana ma residente a Londra. La miliardaria è sposata con Alastair, un campione di pugilato e di tennis. Ma Epifania non è contenta di lui, anzi considera il consorte un emerito incapace. La donna colta da depressione e manifestando propositi suicidi si reca dal suo legale per dettare il testamento. La sua ultima volontà prima di attuare l’insano gesto è quella di lasciare tutto il patrimonio al marito anche se non lo merita. Giulio Sagamore il suo avvocato di fiducia, riesce astutamente a farle cambiare idea. Più avanti un improvviso colpo di scena cambia la vita dell’ereditiera. La donna incontra un medico egiziano e tra i due scoppia l’amore. La coppia fa progetti di matrimonio, ma prima decidono di fare un reciproco ed eccentrico patto. Prima di convogliare a nozze, il medico si impegna a far rendere un capitale iniziale di 150 sterline 10 volte il suo valore. Nel contempo la ricca Epifania con sole 200 piastre, corrispondenti a 35 scellini deve riuscire vivere per sei mesi. “La Miliardaria” venne rappresentata in teatro e sulla Rai nel 1972 sotto la direzione di Giuliana Berlinguer. Un cast eccezionale ha accompagnato la messa in scena. Valeria Moriconi (Epifania) Mariano Rigillo (Giulio Sagamore) Milena Vukotic (Patrizia Smith) Mario Valgoi (Alastair Fitzfassenden) Paolo Graziosi (Adriano Blenderbland) Giacomo Piperno (medico egiziano) Ezio Marano (il sarto) Jolanda Verdirossi (la sarta) Luciano Virgilio (il direttore) ottenendo un grande successo di pubblico e di ascolti.

Giuliano Angeletti

0 Condivisioni

<h2>Leave a Comment</h2>