“L’alfabeto delle Emozioni”. Stefano Massini da appassionato narratore, inventa un nuovo alfabeto emozionale

Data:

L’attesissimo spettacolo di e con Stefano Massini sarà in scena lunedì 28 giugno alle 22 nel cortile del Michelerio ad Asti per “Edizione Straordinaria: recuperiamo il teatro perduto!”.
La rassegna è organizzata dal Comune di Asti in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo, con i recuperi degli spettacoli delle stagioni della rete Patric (Teatro Alfieri, Spazio Kor, Teatro di Dioniso e Mon Circo).
Per ogni persona raccontarsi significa rivelare quello che si prova, perché noi siamo quello che sentiamo dentro. Ma come facciamo a manifestare i nostri sentimenti e le nostre emozioni se il nostro momento confonde la realtà con la fantasia. Allora scopriamo di essere analfabeti emotivi. Un blocco che bisogna rimuovere per raggiungere la completezza della emozionalità. Lo scrittore conscio della sua non perfezione ma con la voglia e l’esigenza di cambiare traccia un ironico ed immaginario viaggio attraverso la sua realtà. Un irreale percorso che ci porta a rivoluzionare la sua e la nostra vita. L’entrata dentro un labirinto che ci permette di sentire ed ascoltarci. E per questo crea un immaginario alfabeto a cui ogni lettera corrisponde ad una emozione (P come Paura, F come Felicità, M come Malinconia…). Massini con maestria chiama per nome ogni cosa e lo fa abbinando una lettera a personaggi storici afflitti da piccole manie. Si va da Arthur Conan Doyle che svela tutti i suoi dubbi ai conoscenti. A Chagall che cade in piena disperazione per la scomparsa di Bella Rosenfeld. Alla moglie di Giosuè Carducci che pregava gli amici di far vincere il marito a carte. Stefano Massini con indubbia capacità estro e sarcasmo da fine dicitore vive ogni aneddoto dei suoi personaggi senza tralasciare sé stesso. Una autoironia che lo rende come lo definisce “Repubblica “il più popolare racconta storie del momento”.
Giuliano Angeletti

“L’alfabeto delle emozioni”
Di e con Stefano Massini
Produzione Savà S.r.l.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Le antiprincipesse di Frida Kahlo: niente gioielli né vestiti scintillanti

Troppo spesso, l’immaginario comune associa il mondo delle favole...

Alessandro Haber è grandissimo ne “Il padre” di Florian Zeller

Trieste, Politeama Rossetti – Teatro Stabile del Friuli Venezia...