Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

FRANCESCA RASI TRA PASSIONE E AMORE PER GLI EVENTI

Data:

Conduttrice, organizzatrice di eventi, formatrice e giornalista. Senza dimenticare il suo ruolo di docente e il suo impegno sociale e politico in quel di Terracina, la sua terra alla quale è legata per valori e tradizioni. Quella di Francesca Rasi è una storia da raccontare tutto d’un fiato, anche perché quando si ha a che fare con lei il tempo è sempre tiranno. All’orizzonte, immancabile, c’è sempre qualche evento da organizzare, qualche azienda da promuovere, qualche iniziativa per i più piccoli da mettere in cantiere. Francesca Rasi è donna di cultura, abituata alla dialettica, al confronto, al dibattito col sorriso sulle labbra. Idee decise, vena artistica, come dimostrato dalla laurea in Scienze della Comunicazione, con indirizzo Marketing e Comunicazione d’ Impresa, a cui si è aggiunto il diploma di laurea in pianoforte al Conservatorio Ottorino Respighi di Latina. Il suo mondo è quello della comunicazione, delle pubbliche relazioni, degli eventi e della formazione. Ma tutto questo non le bastava e così è diventata anche la founder di Ayana Events con cui è poi divenuta vincitrice del concorso VERE IMPRESE by GoDaddy (2019).

Imprenditoria, conduzione, giornalismo, formazione. Quattro ambiti di una carriera a tutta velocità.

Da 15 anni mi prendo cura per aziende e imprenditori della parte di regia creativa, intrattenimento e show, nonché creo e coordino progetti di comunicazione. Mi sono occupata di numerose campagne pubblicitarie e spot,  oltre ad aver condotto importanti serate di gala e premiazioni. Ma non è finita qui: conduco laboratori sulle emozioni in ambito teatrale e musicale, oltre ad essere docente musica e responsabile di laboratori educativi per bambini e ragazzi nelle scuole. Da ultimo, ho realizzato interviste a personaggi del mondo della tv, cultura, imprenditoria e giornalismo. Questa estate al tempio di Giove Anxur ho avuto il privilegio di intervistare Dacia Maraini, una donna e scrittrice speciale. Starei ad ascoltare i suoi racconti per ore…

Tutto questo per dimostrare che questi ambiti si fondono fra loro.

Proprio così! Non sono che 4 rami di una medesima pianta, differenti declinazioni del tentativo di costruire delle reti di valore che facciano emergere il bello che c’è in ciascuna persona, in ogni azienda, in qualunque idea. La differenza la fa il modo in cui tutto questo viene comunicato.

In questa stagione estiva di quali eventi ti sei occupata?

Con la Musica, dopo aver terminato i concerti dei miei allievi, sono stata ospite come Docente di due Laboratori al Narnia Festival, la cui Direzione Artistica è affidata a Cristiana Pegoraro, mentre la Direzione Musicale a Lorenzo Porzio. Ho curato la parte giornalistica dell’incontro con la scrittrice Dacia Maraini al Tempio di Giove Anxur, primo evento di una serie di eventi che porteranno al Festival dal 30 Settembre al 3 Ottobre, organizzato dal Festival delle Emozioni. Sono stata la Voce narrante di “Dialoghi con Dante Passato e Presente”, una Lettura sul Sommo Poeta Dante Alighieri al Monumento Naturale Mole della Corte Settecannelle di Fondi, insieme alla voce di Rai Uno, Mimmo Strati. La Musica sempre presente nella mia vita; ho presentato il Concerto degli Anxurquartet, un bellissimo Viaggio dalla  musica classica, al Jazz, al blues in uno dei borghi piu’ longevi d’Italia: Campodimele. Come Voce narrante ho curato la lettura di Poesie di Luciano Carnevale “Tra le onde del mare le mie parole” insieme al musicista Sandro Sposito.

Ma l’evento piu’ grande è stato il FESTIVAL WORLD AGRO PONTINO?

Sì, il FESTIVAL WORLD AGRO PONTINO, organizzato da Dokita onlus, è stato una due giorni di eventi musicali, teatrali e cinematografici, che è stato l’occasione per presentare e approfondire, grazie al contributo di numerosi esperti, i risultati complessivi del progetto “Get AP! Strategie per una cittadinanza globale dell’Agro Pontino” nato per contribuire alla promozione di un nuovo modello di sviluppo sostenibile a favore del territorio laziale e delle comunità immigrate. La cosa piu’ bella è stata la bellezza dell’incontro culturale nei diversi Gruppi e Artisti che ho contattato: da Ashai Lombardo Arop, con il Laboratorio di Danza Africana e percussioni  e lo spettacolo “Ad Sidera, Verso le stelle”, allo Spettacolo CineTeatrale “Wind of Change,  per una cura del creato” a cura di Associazione di Promozione Sociale Elikya Onlus; da Apsara Bollywood Dance con il Laboratorio di Danza Indiana e lo spettacolo Bollywood Dance e gran finale di chiusura del Festival con la grande Orchestra di Piazza Vittorio con il nuovo spettacolo, in anteprima nazionale “Dancefloor”, un esperimento interculturale e artistico unico nel suo genere, che racchiude proprio il messaggio di Dokita: la bellezza di mischiare le culture.

Che progetti hai in cantiere?

Torno finalmente in Teatro dopo il Covid, al Teatro Tirso di Roma, con la Commedia brillante scritta da Salvatore Scire’ “ Professione Separata”con Vania della Bidia, Raffaele de Bartolomeis, Pierre Bresolin, Francesca Di Meglio, Elena Rossetto e me. Accanto all’insegnamento e al Teatro, inizierò il mio nuovo libro che parlerà di Storie… “Ogni persona ha una Storia e un Amore da raccontare con parole e sguardi, la mia è una storia appassionata e ricca di  emozioni… Benvenuti nel #postodelleidee

Luca Fina                                                                                                                                                           

 

CONTATTI SOCIAL
 Facebook: Francesca Rasi Ayana Events
Instagram: @francescarasiayanaevents

Ph. Credit Amine Khaddar

Ph. Credit Luca Colabello

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati