ANITA DANZI, LA FOTOGRAFIA COME SOGNO NEL CASSETTO

La fotografia è sempre stato il suo sogno nel cassetto, ora non vede l’ora di trasformarla in una ammirevole realtà. “Mi sono sempre trovata a mio agio di fronte all’obiettivo e fin da piccola ho immortalato gli attimi migliori e i dettagli più particolari per conservare i miei ricordi attraverso le fotografie” racconta Anita Danzi, una ragazza di 20 anni che ha studiato lingue a Cremona.

Come nasce questo feeling con l’obbiettivo?

“Quando ero ancora bambina, io ed una mia amica trascorrevamo intere giornate a fotografarci a vicenda. Ecco, credo che la mia vocazione nasca proprio da questi momenti, poi io l’ho coltivata col tempo, dandomi la possibilità di essere fotografata qualche volta in più. Un’emozione straordinaria! Ora che ho partecipato a qualche servizio fotografico sono migliorata sicuramente nella disinvoltura di fronte all’obiettivo, ma ho ancora molto da imparare! Lo shooting con Luca Pozzaglio è quello che finora onestamente mi ha spinta ad avere la determinazione nel proseguire il mio percorso.”

Come ti piace essere nel quotidiano? 

“Mi piace godermi ogni singolo momento e variare spesso il genere delle mie giornate, a volte incontro le persone che mi rendono felice, altre studio, lavoro, altre sperimento nuove ricette in cucina, altre ancora danzo o dipingo. Adoro l’arte, visitare i musei ed ammirare i quadri. Ci sono giorni in cui progetto i miei futuri viaggi ed altri in cui visito delle città con amiche ed è lì che magari scattiamo qualche foto, qualche ricordo.

Cerco di dedicare tempo a tutto ciò che mi piace fare senza smettere di inseguire i miei sogni.

I miei contatti sono anitadanzi18 (profilo Instagram) e il mio account “Anita Danzi” su fotoportale.it Fortunatamente sono stata contattata per un evento di modelsharing che si terrà a settembre alle Banzole a Parma, dove diversi fotografi italiani scatteranno foto a me, Genny Silvestrini e Carmen Rossa, non vedo l’ora!

Cosa ti spinge a buttarti?

Ciò che mi spinge a buttarmi è una grande motivazione dato che credo vivamente che se faccio dei sacrifici posso ottenere ciò che desidero.

Che messaggio vuoi veicolare col tuo personaggio?

Il messaggio che voglio veicolare è che al di là della fotogenia, il bello è soggettivo e ogni donna non può permettersi di abbattersi se talvolta non viene apprezzata o giudicata da qualcuno che non conosce il suo percorso e la sua vera essenza. Ognuna deve amarsi per ciò che è, imparare a convivere con i propri difetti e accettare le imperfezioni perché anche quelle fanno parte di noi e del nostro modo di essere. Amarsi incondizionatamente ogni giorno, coltivare le proprie passioni e credere nelle proprie capacità sono, a mio avviso, i segreti per una vita felice. Inoltre, non bisognerebbe mai scordare che oltre al fascino esteriore c’è qualcosa di ancora più profondo e attraente: lo splendore dell’anima.

Luca Fina

 

CREDITS FOTOGRAFICI
Ph. Luca Pozzaglio
La fotografia è sempre stato il suo sogno nel cassetto, ora non vede l’ora di trasformarla in una ammirevole realtà. “Mi sono sempre trovata a mio agio di fronte all’obiettivo e fin da piccola ho immortalato gli attimi migliori e i dettagli più particolari per conservare i miei ricordi attraverso le fotografie” racconta Anita Danzi, una ragazza di 20 anni che ha studiato lingue a Cremona. Come nasce questo feeling con l’obbiettivo? “Quando ero ancora bambina, io ed una mia amica trascorrevamo intere giornate a fotografarci a vicenda. Ecco, credo che la mia vocazione nasca proprio da questi momenti, poi…

0

User Rating: Be the first one !

<h2>Leave a Comment</h2>