“Er concerto”. Un racconto in romanesco

Benvenuti ar concerto de ‘a capitale. No, nun se tratta d’uno spettacolo ar Teatro dell’Opera o de Santa Cecilia, ma de ‘a più grande sinfonia de ‘a città eterna, dove er garrito der gabbiano s’unisce ar frastuono der gas de’ motori, a la frenesia de’ clacson e ar via vai dere sirene de ‘a ambulanza e de ‘a polizia.

Basta pjare ‘a machena a ‘e cinque der pomeriggio pe’ ascoltà er concerto nella sua interezza. È gratis, imbocchi er Grande Raccordo Anulare e er gioco è fatto. Te metti ‘n coda e te esalti ad ascoltà le trombe dell’auto ‘n massa. Aspetti ‘n po’ e vedrai ch’ariverà ‘a machena de ‘a polizia a sirene spiegate e dopo ‘n po’ ariveranno anche due o tre ambulanze e ‘a melodia se farà ancora più intensa. Te verrà da piagne, ma nun come a ‘n concerto de Beethoven pe’ ‘a commozione, ma perché a startene là senza potette move te sentirai ‘n fallito e nun importa se ‘a musica sarà bella o brutta, er tu’ stato d’animo sarà sempre ‘o istesso, quello de ‘n individuo impotente de fronte ar caos de Roma.

Stanco dere note de ‘a grande orchestra, te viene voglia d’ascoltà quarcosa de più intimo, che asomigli alla musica da camera. Te levi allora dar Grande Raccordo Anulare e vatte a finì a Piazza Venezia. Te siedi ner giardinetto, mentre omini e donnine danno da magnà a’ gabbiani, piccioni e cornacchie. A ‘n certo punto ‘sti si mettono d’accordo e incomincieno a cantà assieme. So’ urla assassine, che paiono risate de gusto. Specialmente er gabbiano emette suoni imbarazzanti, che solo ad ascoltalli fanno venì i brividi. Te guarda coi suoi occhi penetranti e mentre te guarda spalanca er becco e sembra sganasciasse dare risate, prendendose gioco de te.

Ne’ casi migliori er concerto de ‘a grande orchestra e quello da camera s’assemblano assieme. Basta trovasse in ‘n punto dove traffico e atmosfera bucolica convergono. E allora te ritrovi ner cancan de’ motori e de’ clacson, allietato dare risa e le strida dere cornacchie. Se crea ‘na scenografia da Grand Opéra, quanno ‘i uccelli s’arzano ‘n cielo, dando vita a impensabili coreografie. Pe’ ‘n attimo rimaniamo stupefatti da ‘sto clima de gesamtkunstwerk[1] e ce lasciamo trasportà dall’intensità musicale, che se fa wagneriana. Ma ‘n seconda battuta, quanno vedi ch’er semaforo nun se fa mai vverde, il sogno sparisce e ‘a realtà s’arpresenta sotto li nostri occhi, ormai stracolmi de lacrime e de rabbia, assuefatti e rassegnati.

Magari esse all’opera o a Santa Cecilia, invece de stassene dentro ar traffico e ‘i uccelli de mare che te gridano attorno, co’ ‘sta musica che c’è, è vero, però è più caos che melodia.

Se ce penso bbene però Roma è bella anche per questo e da nessun’artra parte der mondo se sente una musica der genere. Sì, in fin de’ conti st’orchestra nun sona male. Quarche sstonatura la fa, ma quanto meno sona cor core.

Stefano Duranti Poccetti

[1] Opera d’Arte Totale.
Benvenuti ar concerto de 'a capitale. No, nun se tratta d’uno spettacolo ar Teatro dell’Opera o de Santa Cecilia, ma de 'a più grande sinfonia de 'a città eterna, dove er garrito der gabbiano s’unisce ar frastuono der gas de’ motori, a la frenesia de’ clacson e ar via vai dere sirene de 'a ambulanza e de 'a polizia. Basta pjare 'a machena a 'e cinque der pomeriggio pe' ascoltà er concerto nella sua interezza. È gratis, imbocchi er Grande Raccordo Anulare e er gioco è fatto. Te metti ‘n coda e te esalti ad ascoltà le trombe dell’auto ‘n…

0

User Rating: Be the first one !

2 Comments

  • Avatar
    Michele

    24 Novembre 2021

    Rispondi

    Caro Stefano, leggo ora “er concerto”. Una sensibilità che onora anche chi legge… però quel taglio romanesco, romanesco non è. Non so se in internet si possa trovare ma negli anni 50 a Roma si stampa a il settimanale Rugantino… Mbeh, se riesci a trovarlo ti accorgerai da solo che nel tuo dire qualcosa manca. Ciao
    Ps. Non c’è l’ho fatta a passare per Roma. Alla prossima allora

    • Avatar
      Redazione Corriere

      25 Novembre 2021

      Rispondi

      Ciao Michele, grazie per il tuo commento. Naturalmente il mio è stato un esperimento per divertirmi. Chissà, magari in futuro riuscirò ad approfondire la materia. Grazie di cuore! <3

<h2>Leave a Comment</h2>