In limine mortis di Consuelo Pinna

Data:

I mondi della scrittura sono vasti e multiformi, variegati forse più di un continente. Oggi nel nostro salotto virtuale ho un ospite davvero molto interessante… Consuelo Pinna autrice del libro “In limine mortis”.

“Sono morta, la giostra si è fermata. Almeno resta il dondolio, quella sensazione di vertigine del movimento che non ancora ti abbandona”… estratto dal libro di C. Pinna.

Notizie sull’autrice…

L’autrice Consuelo Pinna nasce a Cagliari il 26 aprile 1975. Dopo un improvviso ictus ischemico che colpisce il figlio appena dodicenne, si riavvicina alla scrittura, una vecchia passione, come metodo di autoterapia. Si dedica a letture sulla neuro plasticità del cervello e sull’alchimia trasformativa. Frequenta diversi corsi on line di scrittura creativa.
Nel 2018 partecipa al concorso letterario “Le pagine del Natale” indetto dalla casa editrice L’ArgoLibro con il racconto La prima neve, inserito nell’antologia con autori vari. Nel 2019, sempre con L’ArgoLibro, pubblica il racconto La mano nell’antologia “Il risveglio del mattino”.

Consuelo Pinna | Facebook

Descrizione, in breve, del libro “In limine mortis”.

Elisabetta, stanca e insoddisfatta, decide di dare una svolta alla propria vita affidandosi a un maestro spirituale, ma proprio all’alba di questo nuovo inizio, durante la pratica di una meditazione camminata, Elisabetta viene improvvisamente colpita da un malore e si accascia a terra priva di sensi. Mentre un passante tenta la rianimazione, il suo spirito lascia il corpo e comincia un doloroso e invisibile cammino al fianco dei suoi cari, affranti dalla prematura scomparsa. Tutto sembra crudelmente ineluttabile e Elisabetta assiste impotente all’organizzazione di un funerale che disapprova in ogni dettaglio. Solo l’arrivo del misterioso Cristal sembra dare una prospettiva nuova a ciò che le sta accadendo.

Dettagli

Titolo del Libro: “In limine mortis”.
Autrice: Consuelo Pinna.
Editore: Argentodorato.
Data di Pubblicazione: 2021.
Pagine: 160.
ISBN-13: 9791280273086.
Coordinamento editoriale: Eleonora Belletti.
Editing: Aldo Di Virgilio.
Progetto grafico: Silvia Ungaro.
Immagine di copertina: Corradino Janigro.
Copertina: flessibile a colori.
Prezzo: 13 euro.

Dove poter acquistare il libro online

AMAZON

UNILIBRO

https://www.unilibro.it/libro/pinna-consuelo/in-limine-mortis/9791280273086

IBS

https://www.ibs.it/in-limine-mortis-libro-consuelo-pinna/e/9791280273086

La promotrice culturale è Sheyla Bobba della SBS Comunicazione.

Gruppo SBS Comunicazione & Edizioni CPW | Facebook

Filosofia e Stile SBS Comunicazione

In limine mortis – Argentodorato Editore


Pagina ufficiale della casa editrice

https://argentodorato.it/negozio/in-limine-mortis/

Ilaria Solazzo, giornalista e blogger, ha intervistato, oggi, per noi di “Corriere dello spettacolo” la scrittrice Consuelo Pinna, autrice del libro “In limite mortis”.

Ilaria – Da dove nasce la passione per la scrittura?
Consuelo – Nasce fra i banchi di scuola, negli ultimi anni delle superiori. Una mattina, per noia, durante una spiegazione di italiano, ho preso il diario e ho scritto un racconto umoristico dove la protagonista era proprio la prof. di italiano. Il diario poi ha fatto il giro della classe, il racconto era piaciuto ai miei compagni. Così, a fine anno avevo scritto un racconto per ogni prof.

Ilaria – Quanto tempo hai impiegato per realizzare il tuo libro? Raccontaci…
Consuelo – Ho impiegato tre mesi, per me è stata come una sfida, ho sempre scritto racconti brevi, arrivare a scrivere un romanzo mi sembrava impossibile, soprattutto ricavare il tempo, tra impegni familiari e lavorativi. Così, la sera, dopo che i miei figli si addormentavano, aprivo word e rimanevo seduta davanti al pc fino all’una, a volte le due, avevo la necessità di mettere in parole questa storia che pian piano cresceva dentro la testa.

Ilaria – I tuoi personaggi come nascono? Quale tecnica utilizzi per delineare i tuoi personaggi?
Consuelo – Nascono da un’idea, un pensiero, inizio a immaginarli fisicamente, cerco di visualizzare ogni dettaglio esteriore, anche se, come nel caso di questo romanzo, le descrizioni dei personaggi sono quasi assenti, eppure, il lettore riesce a dargli una sua visione personale. E poi, mi immedesimo in loro, idealmente mi muovo nelle scene insieme a loro, in un certo senso lascio che sia il personaggio a parlarmi di sé, di ciò che prova e sente.

Ilaria – Riassumi in poche righe il senso del tuo libro.
Consuelo – Il senso è racchiuso nel titolo, In limine mortis, perché è proprio sulla soglia della morte che riusciamo ad apprezzare di più la vita, in quel momento arriva la piena consapevolezza, che ogni istante è un dono prezioso.

Ilaria – Perché credi si debba leggere il tuo libro?
Consuelo – È un invito alla riflessione, ho scritto questo romanzo dopo che mio figlio ha rischiato di perdere la vita a causa di un ictus ischemico. Quelle ore drammatiche, passate in ospedale, mi hanno spinta a scrivere su un tema un po’ scomodo, quello della morte, e su ciò che rimane dopo di essa. Il mio vuole essere un messaggio di speranza, non necessariamente si deve arrivare sulla soglia della morte per sfruttare al meglio la consapevolezza che il nostro tempo è limitato, e sta a noi vivere in modo di arrivarci senza rimpianti.

Ilaria – Usando un solo aggettivo come si può definire il tuo progetto editoriale?
Consuelo – Ironico, nonostante il tema. Un pizzico di ironia serve sempre per esorcizzare la paura che abbiamo nei confronti di questa “amica” che da sempre ci cammina a fianco.

Ilaria – Se tu potessi pranzare con il tuo scrittore preferito cosa gli domanderesti?
Consuelo – Amo tantissimo i libri di Luciano De Crescenzo, è stato un personaggio unico, e di certo a lui non mancava l’ironia. Se fosse ancora possibile un pranzo insieme a lui gli chiederei: “Qual è il senso della vita e cosa rimane di noi dopo la morte?

Ilaria – Hai nuovi progetti? Stai scrivendo un nuovo romanzo? Puoi anticiparci qualcosa?
Consuelo – C’è già un nuovo romanzo, sarà pubblicato l’anno prossimo, sempre da Argentodorato Editore. È ambientato in Sardegna, la protagonista è un un’archeologa, troverà un reperto molto particolare, e la ricerca di altri reperti simili andrà di pari passo a una profonda ricerca interiore che la condurrà a una segreta conoscenza.

Ilaria – Dalla tua Sardegna volerai, a febbraio 2023, in Liguria, precisamente al Palafiori per Casa Sanremo writer! Raccontaci questa nuova avventura
Consuelo – Stento quasi a crederlo. Mentre scrivevo le pagine di questo romanzo, mai avrei immaginato che mi avrebbero portato al Palafiori. Sarà sicuramente un’emozione unica, una grande opportunità per far conoscere In limine mortis. Sarà anche un’occasione per condividere questo momento con tanti altri autrici e autori.

 

 

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

L’uomo che attraversò tre secoli: un’avventura meravigliosa

  Per chi, come me, ha già attraversato due secoli...

Riccardo Onori, dai Dirotta su Cuba a Jovanotti

È un tipo schivo, riservato, nobile. Allegro, sempre disposto...

Tutto pronto al Teatro Sistina per la decima stagione targata Piparo

IL SISTINA SI ILLUMINA PER UNA NUOVA STAGIONE DA...