Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

BRIGNANO SUPERSTAR CI DA’ DEL TU

Data:

Al Teatro degli Arcimboldi di Milano, fino al 22 Gennaio 2023

Reduce dal grande successo del tour estivo in tutta Italia, Enrico Brignano arriva con Ma… Diamoci del tu! al Teatro Arcimboldi di Milano.

Romano de Roma, classe 1966, prodotto dell’Accademia per giovani comici di Gigi Proietti, si vede per la prima volta in veste di comico e barzellettiere alla prima edizione del programma televisivo La Sai L’Ultima?. La notorietà gli viene dal ruolo di Giacinto ne Un Medico In Famiglia; la maggiore visibilità gli consente di affrontare anche il teatro: il suo primo spettacolo, Io Per Voi Un Libro Aperto, è del 1999. Alterna teatro a grande e piccolo schermo: Io Per Voi Un Libro Aperto… Capitolo II (2000), Capitolo III… E La Storia Continua (2001), Mai Dire Mouse (2002), Non Sia Mai Viene Qualcuno (2003), A Briglia Sciolta (2005), Brignano Con La O (2006), A Sproposito Di Noi (2006), Le Parole Che Non Vi Ho Detto (2007), Sono Romano Ma Non E’ Colpa Mia (2009). Del 2010 il suo Rugantino, opera del 1962 di Garinei e Giovannini, ruolo che in passato hanno visto grandi attori come Nino Manfredi ed Enrico Montesano. E ancora Tutto Suo Padre (2011), Tutto Suo Padre… E Un Po’ Sua Madre (2012), Il Meglio d’Italia (2013), Evolushow (2014), Evolushow 2.0 (2015), Enricomincio Da Me (2016), Innamorato Perso (2018) Un’Ora Sola Vi Vorrei (2019). Doppia poi nel 2013 il pupazzo di neve parlante Olaf nel film Disney Frozen – Il Regno di Ghiaccio.

Ed ora, Ma … Diamoci del Tu! Un one man show all you can eat, come lo definisce lo stesso Brignano, che spazia da aneddoti sulla sua infanzia e degli inizi della sua carriera a racconti di vita quotidiana. Uno spaccato della modernità, con stoccate al nostro modo di vivere troppo preoccupato di evitarci qualsiasi cosa possa anche minimamente danneggiarci. Con il suo accento simpaticamente romano, quel romano bello e colorito che piace anche a noi milanesi, regge il palco da solo per due ore senza mollare un attimo, se non per un intervento, totalmente ininfluente ai fini dello spettacolo, della neo moglie Flora Canto. Non è facile tenere la scena, da soli, per tutto quel tempo, con il pubblico che reagisce nel modo migliore: ridendo di gusto, perché Brignano è comicità allo stato puro.

Egli stesso commenta: Darsi del tu oggi è ormai la prassi, mentre il “lei” sembra qualcosa di arcaico e formale. Per dire, quando ti chiamano dal call center per discutere che so, la tariffa telefonica, oppure per proporti di investire l’eredità di pora nonna in criptovalute, usano il lei, probabilmente per renderti più difficile il mandarli a quel paese. Il “Lei” è burocratico, lo si usa con le forze dell’ordine o al comune, ma del resto il “tu” che lo sta sostituendo è vuoto, non porta con sé quella confidenza vera, quella familiarità che intendo io. Ultimamente poi, dopo la pandemia che ha acuito le distanze, il tu è diventato ancora più un fatto di forma, ma non di sostanza. E siccome io sono un uomo di sostanza – si dovrebbe capire già solo guardandomi – vorrei recuperare quel “tu” che ci siamo persi per strada. E ci aggiungo pure quel “ma” che resetta tutto, che azzera le distanze, che siano sociali, economiche o d’età. L’età… Ultimamente ho notato che per colpa della mia età sempre più persone tendono a darmi del lei, un lei che è doloroso come una fitta della sciatica, che è più fastidioso e irritante di quando mi scopro a tirarmi su dal divano esclamando: “hoplà”. Mi sa che all’espressione “giovane comico romano” devo cominciare a togliere il “giovane”. Non che rinneghi la mia età, quella ci sta e bisogna tenersela; anzi, mi rende più autorevole. Sembra quasi che le cose che dico siano attendibili! Però, quando parlo alla gente, io voglio darle del tu, mi voglio prendere una certa confidenza per raccontare in modo intimo le insidie del mondo, dalla tecnologia, utile ma infida, alle varie crisi economiche, ecologiche e sanitarie. Avrei pure un paio di notazioni da fare sull’amore e sul sesso, sui rapporti personali e sociali, su certe stranezze di questi tempi… Ebbene sì, c’ho tanto da parla’. E qualche volta anche da lamentarmi. “Ma lei Brignano non sa che lamentarsi è tipico delle persone anziane?”; certo che lo so. Ma lei, coso… Mi dia del tu!

Chiara Pedretti

Teatro degli Arcimboldi
Viale dell’Innovazione 20, Milano
Fino al 22 Gennaio 2023
Biglietti da EUR 38,00 a EUR 75,00 più prevendita
www.teatroarcimboldi.it

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Nabucco” oltre Verdi

Verona, Arena, fino al 26 agosto 2017 Il 95° Opera...

“Se io fossi un angelo”: piccolo ricordo di Lucio Dalla

Esattamente dieci anni fa, il primo marzo 2012, ci...

Renzi-vs-Maiorano come Rocky Balboa e Apollo Creed

  Se volessimo dare un idea della sfida infinita tra...