Elena Improta perde la causa: la disabilità del figlio non è imputabile al parto e deve pagare 300 mila euro, Gravili: ‘oltre il danno la beffa’

Data:

Elena Improta ha iniziato lo sciopero della fame, lo annuncia sulla sua pagina Facebook attraverso un video per chiedere giustizia ed appellarsi contro una sentenza ingiusta che oltre al danno sa anche di beffa, già perché era stata la stessa Elena, anni fa a fare causa all’Ospedale in cui era nato suo figlio.
Mario ha 34 anni ed è affetto da tetraparesi spastica, nel 1996, si è rivolta alla giustizia per i danni subiti del momento del parto avvenuta in una clinica Romana. Ora dopo 27 lunghi anni giunge il verdetto, ‘Elena e Mario hanno perso la causa’, la donna seppur dispiaciuta sia per le lungaggini della giustizia italiana quando per il verdetto che non le ha ridato la giustizia che sperava, si trova ora a dover anche affrontare la condanna. Una condanna che per Elena è violenta ed inappellabile, spiega, mi si impone di pagare 300 mila euro di spese legali che io non ho. Aveva 26 anni quando ha partorito, dopo 3 mesi la diagnosi: ‘Mario non parlerà, non lavorerà, non camminerà’ raccontano accuratamente l’articolo di RaiNews ed il servizio del TgR andato in onda la settimana scorsa. Elena dalla sua spiega le ragioni che l’hanno portata dopo anni a decidere di fare causa alla struttura presso cui 34 anni fa è nato il figlio: “tutti i medici e gli specialisti interpellati hanno escluso qualsiasi forma di malattia rara, genetica, degenerativa, quindi dai risultati e dagli accertamenti risulta un nesso certo tra parto e sofferenza fetale causata da assenza di ossigeno”. Ora spiega
afflitta, l’unica cosa che ci resta è la ‘Casa di Mario’, il rifugio di mio figlio e di altre persone adulte disabili che hanno trovato un luogo in cui poter vivere la loro ‘diversità’ supportati e seguiti nella loro quotidianità, ecco perché rivolgo un appello alla Clinica e alle Assicurazioni, veniteci a trovare, guardate cosa abbiamo costruito e dove viviamo e soprattutto non toglieteci, ci verrebbe da aggiungere per la seconda volta, quel
poco di ‘ossigeno’ che ci è rimasto.
Giovanni Gravili, Presidente Associazione Nodi d’Amore, approva in pieno le parole di Loredana Fiorini e tutta FIDA, Forum Italiano Diritti Autismo, che si dicono al fianco di Elena.
Elena, aggiunge Gravili, non ha il denaro per pagare una cifra così esagerata, determinata per giunta da lungaggini della Giustizia italiana, e dunque si andrebbe incontro al pignoramento della ‘ Casa di Mario’ , una struttura che è linfa vitale per altri ragazzi che lì ci vivono, una struttura nata grazie al cuore ed al coraggio di questa mamma che non solo non si è abbattuta ma ha fatto della diversità di suo figlio un dono di condivisione, da c ui partire per aiutare altre famiglie che hanno problematiche analoghe.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Valentina Ravelli, quando la bellezza non è solo apparenza

La passione innata per la pallavolo, la curiosità crescente...

Ilaria Fasolo… social e business

Quella di Ilaria Fasolo è una quotidianità tutta da...

A tu per tu con La moglie del dottore

Adesso che tutti conoscono Maura come “La moglie del...

A tu per tattoo

  Inchiostro impresso sulla pelle, tracce d' arte indelebili, mobili, con...