Romanzarte

Data:

 

Seduto, in cammino, sdraiato, dormendo, sognando o vegliando.
Tutti gli stati sono buoni per l’idea giusta.
Qual è l’idea giusta?
È quella non guasta, che non guasta tra tante in concorso.
In pratica, la sola rimasta, ti viene in soccorso.

Prendi il protagonista, fai lo scenario, poi scegli i gregari, è tutto un mosaico di idee e personaggi.
È lì che tratteggi caratteri e azioni, misfatti, emozioni.

La storia è decisa, è ora che vada finalmente sfuggita di mano da anima e testa, è come una festa.
Metti insieme ingredienti come esperimenti, lamenti, rimpianti, cose infelici, sciacalli e contenti.
Esperienze vere messe al servizio del racconto con altre frutto di girotondo e fantasia.
I cattivi son scaltri, il resto chissà.

Ti fermi sovente, il romanzo richiede pause e pazienza.
È una sentenza, richiede costanza.

Arrivare alla fine è come un traguardo, lo sguardo di chi scrive si rallegra e rattrista al medesimo tempo.
La creatura è nata, l’avventura è terminata!
Ha richiesto sudore ma è il troppo amore e l’amore ha le sue pretese.

Romanzieri, oggi, domani…
Esce fuori molto di quel che c’è in te.
Creare storie e parole è come essere prole, essere figli di sé.

ROViRO’

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

KATIA FERRANTE, L’ARTE DELLA SEDUZIONE SUL RED CARPET

Dal salotto televisivo di Sky ai red carpet di...

“Doctor Faustus” di Marlowe

Il Dottor Faust di Christopher Marlowe è una pietra...

I vincitori della terza edizione del Premio di Poesia Pierluigi Galli

Sono stati espressi dalla giuria i vincitori della terza...