Alessandro Maiorano, il sorvegliato speciale

Data:

Abita a Calenzano (Firenze) l’uomo considerato da varie Procure più “pericoloso di un cobra”. Stiamo parlando di “Faccia D’Angelo”, al secolo Alessandro Maiorano, il sorvegliato speciale.
Per anni è stato sottoposto a decine di perquisizioni, pedinamenti, intercettazioni, indagini. Basti pensare che all’ottavo piano del Tribunale di Firenze, dove si trova il Gup Dottor Angelo Pezzuti, un solo armadio è carico di fascicoli penali solo con il suo nome: Alessandro Maiorano.

Per anni i PM hanno elaborato migliaia di pagine di indagini su di lui ed estrapolato km di nastri di intercettazioni telefoniche, con centinaia di agenti scesi in campo. Lo chiamano “faccia d’angelo”, come il bel Renée, al secolo Renato Vallanzasca, ma Alessandro Maiorano è più che Vallanzasca per i giudici. Un soggetto ad alto rischio criminale, una sorta di Diabolik sfuggito per anni alle maglie della Giustizia italiana. Vive con il figlio e il suo cane Argo di cui è gelosissimo, una sorta di “figlio peloso”, l’unico che riesce a piegare Alessandro.

Amato dalle donne per il suo fascino misterioso, non bello, ma con un carisma tutto suo, l’ex enfant prodige di Palazzo Vecchio mira solo ad una cosa oggi: i suoi libri e il film sulla sua vita con accanto una donna che lo sappia capire e gestire, perché Alessandro non è uno qualsiasi. Sottoposto per anni ad indagini con km di intercettazioni telefoniche per reati gravi: terrorismo, banda armata, associazione a delinquere, rapine, ricettazione, porto d’arma atta ad offendere, minacce aggravate, e molto altro… dove però ne è uscito sempre indenne, grazie anche al suo famoso avvocato, il Professore Carlo Taormina, con cui da ben 12 anni ha instaurato un rapporto speciale tanto che l’avvocato in conferenza stampa è arrivato a dire: “Alessandro Maiorano? Per me è come un fratello.” Basta solo la sua presenza per generare “Timore e Rispetto” anche se il biondo Bandito Da Firenze ha sempre detto che lui non vuole creare problemi a nessuno e che oggi, dopo tante turbolenze, vuole vivere in pace. Sottoposto nel reparto di criminologia reati violenti di Firenze a perizie psichiatriche per presunta pericolosità sociale, ne è uscito vincitore, tanto che una commissione ministeriale ha stabilito che Alessandro è soggetto con una intelligenza superiore alla media.

Oggi a carico dell’ex dipendente di Palazzo Vecchio rimangono ancora alcuni processi con l’ex presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi, per presunti reati di Stalking, minacce e diffamazione dopo che nel luglio 2021 il giudice, dottoressa Laura Bonelli, assolse il Maiorano con formula piena in un altro processo con lo stesso Matteo Renzi, dove l’ex presidente del Consiglio si presentò con ben otto uomini della sua scorta. Nonostate l’imponente servizio d’ordine, Maiorano aggredì Renzi, tanto che il Giudice, Carabinieri e Polizia, faticarono molto a calmare lo scatenato riccioluto puttino di Firenze. Renzi fu costretto a presentare denuncia al procuratore aggiunto della Procura della Repubblica di Firenze, il dottor Luca Tescaroli, mettendo per iscritto che si sentiva “minacciato” da Alessandro Maiorano, tanto di sentirsi in “balia” del “Pericoloso Vallanzasca di Firenze”.

Nel 2018, attraverso la questura dell’Aquila, a firma del funzionario di polizia Dottor Tommaso Niglio, fu notificato al Bandito di Firenze una sorta di “Segreto di Stato”. Nessuno tranne le forze dell’ordine possono avere informazioni su di lui. Durante un interrogatorio un dirigente della Digos è arrivato a dire: “Alessandro Maiorano? Se vuole può far sparire il Colosseo.” Mentre il suo famoso avvocato Professore Carlo Taormina in conferenza stampa si è lasciato andare a dichiarazioni che la dicono lunga di chi sia l’ex dipendente di Palazzo Vecchio: “In 40 anni di attività non ho mai incontrato uno come Alessandro Maiorano.”

Tommaso Lastrucci

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Confessione senza assoluzione di Giuseppe Oppedisano

  In scena al Teatro Tordinona dall’otto al dodici marzo...

Nuova spinta al Teatro Roma. Ecco la stagione 2017/2018

Una ventata di aria rinnovata, fresca, frizzante, al Teatro...

Italian Theatre Festival, 7 – 8 June, Coronet Theatre, London W11

After a sell-out success in 2018, the Italian Theatre...