Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

“Questa cosa chiamata amore”. Indagine letterario-psicologica su uno scrittore americano del XX secolo in un suggestivo spazio in TRUMAN CAPOTE

Data:

Al Teatro Vascello di Roma, fino al 9 aprile 2017

Si deve ad un critico letterario come Massimo Sgorbani il tentativo di approfondire la biografia ed il valore concettuale d’un romanziere contemporaneo a stelle e strisce, quel Truman Capote autore con una chiara e limpida prosa di vari testi, tra cui “A sangue freddo”, edito per la prima volta mezzo secolo fa. A rappresentarlo biograficamente sulla scena in questi giorni al Vascello, dopo essere stato a Torino con notevole successo, è Gianluca Ferrato che gli dà voce fino a domenica, avvolto in una pelle lucida di camaleonte suscettibile di cambiamento sul palcoscenico. La scena è stata disegnata da Massimo Troncanetti per il teatro della Toscana che  produce il lavoro, in cui si penalizzano i temi dominanti delle composizioni di Capote tra cui l’eros per il continente scoperto involontariamente da C. Colombo ed il chiacchiericcio sulla vita mondana dei vip Americani. Da qui il sottotitolo dello stravagante ed intenso monologo: “Questa cosa chiamata amore”. Pertanto con la concezione della letteratura come maldicenza e pettegolezzo svalutava ogni considerazione idolatrica dell’arte e dei suoi creatori. Con questa definizione s’intendeva svelare il mondo ancora ignoto e segreto celato della terra di Washington e Lincoln, oggi dilaniata dalle decisioni di Trump contestate da una parte dello stesso partito repubblicano conservatore. Tutto questo con una metodologia lieve ed accurata snob e radical chic,frizzante e tagliente condensato in autentiche e ripetute provocazioni naif ed off Broadway. Fino al 9/04.

Susanna Donatelli

dal 5 al 9 aprile 2017
TRUMAN CAPOTE questa cosa chiamata amore
di Massimo Sgorbani
con Gianluca Ferrato
scene Massimo Troncanetti
costumi Elena Bianchini
impianto e regia Emanuele Gamba
produzione Teatro della Toscana

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Mimo e maschera”. Il metodo Monetta per la libertà espressiva

“Mimo e Maschera” di Michele Monetta è anzitutto prezioso...

Poesia del Calcio

Poesia del Calcio, non ho trovato miglior titolo che...

Ieri al pranzo spettacolo al Baron Club di Roma, il top manager Pietro Pelagalli....

Martedì 8 dicembre grandissimo pranzo con l'artista del momento...