Presentazione della Stagione 2017/2018 del Teatro India

Data:

Lo spazio, ex stabilimento Mira Lanza nel primo quarto del novecento nella zona Marconi, gazometro e ponte di ferro con la sede dei sommozzatori dei vigili del fuoco, mantiene la sua funzione di spalla, come teatro “off” e sperimentale dello stabile di Roma con tenitura più breve nelle due sale, maggiore A e minore B, per consentire una più ampia visione e laboratorio di riflessione sulle proposte contemporanee emergenti, tra la fine di settembre ed i primi di ottobre. Vi saranno “short theatre” e creazioni tersicoree come”euforia” e “tank for hurting me” di E. Cosimi, poi tre giorni di “garofano verde” dal 28 al 30. Per i diritti omosessuali e la giornata dedicata alla cultura coreana. Nella seconda metà d’ottobre arriva il teatro ribelle di Eleonora Danco e quello da camera di R. Caporossi, mentre a novembre vi sarà spazio per due lavori di F. Scaldati. Prima “ombre folli” e poi “Totò e vice” insieme al “coraggio di dire no” di A. Albertin. Nell’altra sala, tra novembre e dicembre rivedremo qualche testo già collaudato: “Il ritorno di Casanova” di A. Schnitzler con la regia di F. Tiezzi, “Notturno di donna con ospiti” di A. Ruccello,”Hamletmachine” di H. M Muller, cui farà da pendant “Reparto Amleto” di L. Collalti che firma pure “Un ricordo d’inverno”. A Gennaio ci sarà “Mozart” di G. Cederna da W. Hildesheimer e per la giornata della memoria: “Tante facce della memoria” di F. Comencini e Mia Benedetta, seguito per 2 giorni da “Shoah”. Per la seconda metà di febbraio sono previsti “Settimo cielo” di C. Churchill e “La domanda della regina” di G. Manfridi e G. Chiarotti con regia di P. Maccarinelli. A marzo, dopo la mitologica figura sarda di “Accabadora” da M. Murgia, parodiata in televisione da Virginia Raffaele, largo a ”Disgraced” di A. Akhtar per la regia di Jacopo Gassman, lo show “Theatrum mundi” di Pippo Di Marca dal 20 al 25 e “Dieci storie proprio così” di G. Minoli dirette da E. Giordano. Il mese d’aprile riserverà una sala alla “Trilogia dell’amore/DANTE” ideata dal Brinchi e D. Spanò, poi ci sarà F. Dostoevskij con “I malvagi” con la regia di Santagata e “IVAN” per quella di S. Sinigagli. Tra i due lavori avrà luogo pure ”Emone” di A. Piccolo per la direzione di R. Di Florio ed Elchoes di H. Nayior, regia di M. Di Michele. Infine a maggio ”walking on the moon” di F. Morgan, avvicinandosi il 50°anniversario della prima passeggiata sul satellite, poi dall’8 al 13 “Mi sa che fuori è primavera”, progetto e regia di G. B. Corsetti e “Padiglione verdastro” dedicato alla sola drammaturgia, con Scarlini e dal 15 al 20 ”Viva l’Italia” di R. Scarpetti. Il 23 vi sarà il ricordo del mezzo secolo da “la primavera di Praga” e si chiuderà con l’attività degli ”under 25” per Dominio Pubblico fino al 3/06.

Susanna Donatelli

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

SALLY GLAM, SENSUALITA’ AL PRIMO ISTANTE

Bella ed elegante, a prima vista e a primo...

  VIAGGI INTERSTELLARI… I TEMPI SI ACCORCIANO

Proprio così, mentre la stragrande maggioranza delle persone si...

“Summer fading (late love song)”, un mix di dream pop e alternative rock con...

  Dopo l’elektronische musik di “Stati emozionali”, la psichedelia di...

“Molotov” di Rosamaria Aquino al Teatro Tordinona di Roma dal 17 al 22 maggio...

Debutta al Teatro Tordinona di Roma “Molotov”, spettacolo di...