Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

Il pronome relativo “che”

Data:

Il che pronome relativo, teoricamente, dovrebbe essere adoperato solo come soggetto o come complemento oggetto, ad esempio, il libro che mi hai prestato è molto bello – in questo caso il che è complemento oggetto_ mentre nella preposizione il ragazzo che parla si chiama Enrico, il che è soggetto. Se si ha a che fare con tutti i complimenti indiretti, si può adoperare che come pronome relativo, in quanto non è un errore, ma, è preferibile usare altri pronomi relativi, quali ad esempio, cui, il quale, la quale e le quali.

In conclusione di questo articolo, ci preme inoltre sottolineare che la parola che può essere utilizzata anche in circostanze diverse da quelle soprindicate, vediamo in quali:

  • Nelle circostanze temporali: nell’anno che (in cui) si diplomò Elena.
  • Quando si fa riferimento ad un’intera frase con valore neutro e si vuole intendere la qual cosa, in casi come questo, prende l’articolo: finalmente, ti sei messo a studiare, il che è più che giusto.
  • Nelle comparazioni, ovvero, in presenza di un verbo sottinteso: Maria soffre dello stesso male che (di cui) soffro io.

La rubrica Rispettiamo l’Italiano vi dà appuntamento a giovedì prossimo con altre curiosità riguardanti la nostra lingua.

Martina Naccarato

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

MARTINA PARENTE, DALLA FOTOGRAFIA ALLA TV… SOGNANDO IN GRANDE

Dalla fotografia alla tv passando per eventi e sfilate....

Chiara, la fotografia fra arte e passione

  Questa è la storia di una ragazza bella, femminile...

Sempre fiori mai un fioraio, omaggio a Paolo Poli

  Sempre fiori mai un fioraio è il titolo di...