“Non si butta via niente”. Salviamoci dall’inutile

Data:

Roma, Teatro Golden, dal 27 dicembre 2017 al 21 gennaio 2018

Nel frattempo gli oggetti erano andati al potere. La loro prima vittoria era stata il superamento del concetto di utilità, piano piano avevano occupato anche gli spazi più nascosti delle nostre case, e da lì ci spiavano. Nessuno se n’era accorto all’inizio, anzi, la loro silenziosa presenza sembrava piacevole e confortante, era difficile intuirne il senso sovversivo. Dopo anni di schiavitù gli oggetti tentavano la strada del dominio. (“Gli oggetti” – Giorgio Gaber)

Perché iniziare a parlare di Non si butta via niente, in scena al Teatro Golden fino al 21 gennaio, con le parole di Gaber? Il testo di quel brano, inquietante anticipatore dei tempi (eravamo nel 1978), ben si sposa con il filo conduttore del nuovo spettacolo di Marco Falaguasta, che infatti lo inserisce nel corso del recital. Come nel brano di Gaber, anche qui si ride, se non altro per un senso del grottesco, il grottesco di tutti noi attuali, moderni, tecnologici esseri umani, schiavi della novità ad ogni costo, “liberi” di essere manipolati dalla diabolicità del mercato. Che ieri si palesava solo nella pubblicità, oggi entra direttamente nelle nostre case e nei nostri cervelli tramite i personal computer e ogni dispositivo mobile che ha ormai catturato la nostra intelligenza. Si ride di cose che non fanno affatto ridere, di presunti bisogni che non abbiamo.

V1430887Dinamiche che non si limitano alla compravendita compulsiva, ma che hanno intaccato ogni nostro momento, hanno distrutto il gusto dell’attesa, nell’illusione continua e tragica di risparmiare tempo. Per farci poi cosa? Tematiche assai complesse che aprono tante strade da poter indagare e Non si butta via niente è infatti un divertente spettacolo, quasi surreale, che pone mille questioni, articolate tra il racconto in prima persona a cura dello stesso Falaguasta e i personaggi che animamo la piazzetta di fronte ad un palazzo, ricostruzione suggestiva della bella  regia di Tiziana Foschi, e dalle gustose  scene flash-back che arricchiscono la costruzione del tutto. Intorno al protagonista, in strada col suo cagnolino di notte, si palesano personaggi da fumetto, dallo stimato professionista (Marco Fiorini, straordinario come sempre) che abbandona mobili vicino ai cassonetti pensando di non essere visto e vittima di una moglie affetta da shopping compulsivo, ad una giovane prostituta simpaticamente bizzarra e riflessiva (una supersexy ma delicata Valeria Nardilli), che colleziona aria nei barattoli di vetro, fino ad una netturbina dalla battuta tagliente e dall’animo poetico che raccoglie pensieri scritti sulla carta, tra i rifiuti, interpretata dalla bravissima Claudia Campagnola. In questa notte movimentata da persone e pensieri, Falaguasta affronta tanti aspetti della cosiddetta modernità, dalle vendite online alle super offerte dei negozi o dei venditori porta a porta, dalle nuove abitudini alimentari alla raccolta differenziata dei rifiuti, esponendo con ironia e punte di comicità esilarante le assurdità del quotidiano, private di quel che dovrebbe essere il naturale tempo dell’attesa, acquistando di tutto in un tentativo consolatorio che può essere drammatico. Illusioni di libertà e di scelta, ma forse quel che manca in questo tempo allucinante e allucinato, latente in tutto lo spettacolo e chiaro nel finale, è la semplicità, la forza dirompente, il calore di un abbraccio tra persone che tornino ad essere e non più sembrare. Solo allora gli oggetti diverranno secondari e non potranno più ambire al dominio.

Non si butta via niente è un viaggio sorprendente e interessante tra realtà, dimensione onirica, surrealismo, ironia e comicità, un “osservatorio” portato in scena da quattro bravissimi interpreti e diretto dalla bella capacità visionaria di una regista moderna quale Tiziana Foschi che in questo caso, con coraggio, mescola più generi in uno spettacolo originale. Da velocizzare forse in qualche passaggio (l’inizio ad esempio è un po’ macchinoso), ma l’esperienza della Compagnia e il tempo a disposizione avranno la meglio su qualche dettaglio migliorabile.

Paolo Leone

Roma, Teatro Golden, dal 27 dicembre al 21 gennaio 2018
Produzione LSD Edizioni srl presenta:
NON SI BUTTA VIA NIENTE, di Marco Falaguasta, Tiziana Foschi, Alessandro Mancini, Giulia Ricciardi. Regia di Tiziana Foschi. Con: Marco Falaguasta, Marco Fiorini, Claudia Campagnola e Valeria Nardilli. Con la partecipazione degli allievi del Laboratorio teatrale di M. Falaguasta.
Si ringrazia l’ufficio stampa del Teatro Golden, nella persona di Daria Delfino

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

La Traviata vista da Lella Costa

Lo spettacolo “La Traviata, l’intelligenza del Cuore” scritto una...

Enrico Brignano al Palapartenope con Innamorato perso

Brignano nel suo ultimo spettacolo è davvero un  folle...

Lorenza Martelli, quando la moda è… low cost

Un blog nato per curiosità e passione, un personaggio...