Flavia Lisotti, l’arte della provocazione

Data:

Provocare fa parte del suo personaggio, abituato quando serve ad essere sopra le righe, ma soprattutto disinteressato del giudizio altrui e concentrato a realizzare progetti sempre nuovi. Così, fra uno shooting in giro per l’Italia, una comparsata in tv a Take Me Out e qualche scatto “bollente” rimbalzato sulle pagine social di mezza Italia, Flavia Lisotti ha costruito una fotomodella che strizza l’occhio al mondo dello spettacolo e che sta spopolando sempre più su Instagram. Sia chiaro, lei è una ragazza fuori dai canoni della moda. Anzi, a lei, di certi canoni proprio non interessa nulla. Ma Flavia Lisotti è affascinante proprio per questo. Un corpo da ammirare denso di tatuaggi, la bellezza di 47 set realizzati nel giro di un anno e tre mesi che le hanno permesso di trasformare la fotografia in una professione. Grazie alla sua immagine, ha spalancato porte che nemmeno si aspettava di poter bussare. Un boom che nel 2018 potrebbe vederla protagonista di un progetto distante dall’Italia, ma che potremmo ritrovarci in televisione. Insomma, non solo fotografia, social ed eventi all’orizzonte…

Torniamo indietro nel tempo.

Riavvolgiamo il nastro fino ad un anno e tre mesi fa, quando ho deciso di entrare nel mondo della fotografia. Ho sempre immaginato di poter vivere questa avventura, mi si è presentata l’occasione e mi ci sono buttata.

E da allora…

Di acqua sotto i ponti ne è passata! Ho contato i set, sono a quota 47. Un numero straordinario. Esperienze sempre nuove che mi hanno portata in giro per l’Italia. Un entusiasmo contagioso per me che a 20 anni ha potuto realizzare tanti piccoli sogni.

Che ragazza è Flavia Lisotti sul set?

Adoro ridere e scherzare, mi piace giocare e provocare. Ma la professionalità è il principio base per lavorare con me. Dipende da chi mi trovo davanti: se ho confidenza, esce il lato più malizioso di me…

Cosa ti ha dato la fotografia?

Prima non avevo nessuna autostima di me stessa, oggi sono una ragazza felice, consapevole delle proprie capacità, sicura di poter raggiungere qualunque traguardo.

Ci sono set che ricordi con particolare entusiasmo?

Uno realizzato nel greto di un torrente in pieno inverno… con pochi vestiti indosso! Ma tanti altri mi sono rimasti nel cuore, merito anche degli artisti della fotografia che hanno saputo valorizzarmi a fondo.

Grazie alla fotografia, cosa hai ottenuto?

Innanzitutto la possibilità di raggiungere tante persone, di farmi conoscere e di propormi per la ragazza che sono. E poi ho sfidato i pregiudizi, mettendomi in gioco e raggiungendo traguardi artistici di enorme valore.

Cosa pensa di te la gente?

C’è chi mi apprezza e chi mi denigra, fa parte del gioco. Dal canto mio, non do peso a ciò che mi dicono dei perfetti sconosciuti. Io sono orgogliosa del mio percorso artistico, anzi all’orizzonte ho un progetto che potrebbe portarmi fuori dall’Italia. Ma per scaramanzia non dico nulla…

Se non che centra la televisione. Dove già sei stata protagonista.

Ho partecipato al programma Take Me Out, quindi ho già avuto modo di conoscere qualcosa di questo mondo.
I social stanno confermando il tuo momento magico.

Su Instagram i numeri sono decollati quasi di punto in bianco, penso che la gente mi segua per il gusto di osservare il mio modo di provocare.

Non mi nascondo, sono vera e questo al pubblico piace. Provocare mi piace, perché dovrei nasconderlo?

Che rapporto hai col tuo fisico?

Mi piaccio… forse avrei voluto solo 5 centimetri in più di altezza! Mi piace valorizzarmi con outfit particolari: passo dal sobrio all’eccentrico, dipende solo dalla giornata! In fin dei conti, l’eleganza è saper indossare qualcosa di veramente originale…

Cosa pensi di avere tu più delle altre ragazze?

Nulla, se non l’umiltà di rispondere a chi mi scrive. Invece, ci sono altre che si dimenticano da dove arrivano e perdono il contatto con la realtà…

Luca Fina

CONTATTI SOCIAL
https://www.instagram.com/flavia_liso/
Foto di copertina Antonio Lupo

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

L’arte delle cornici: un viaggio oltre il bordo

  In un'opera d'arte, la cornice è molto più di...

Presentata la stagione teatrale 2019/2020  del Teatro Cilea di Napoli

Come ha esordito il direttore artistico Nando Mormone il...