‘O Cunto d’ o Surdato’ al teatro Cilea: Lello Arena narratore

Data:

Al Teatro Cilea di Napoli dal 19 al 22 aprile 2018

E’ stato uno smaliziato e tentacolare gioco di scatole, la struttura rivista e riambientata a Napoli de L’ Histoire du Soldat con musiche di Stravinskij, ora in lingua e titolo napoletani, ‘ O Cunto d’ o Surdato, con adattamento, regia e ruolo di Narratore di Lello Arena (con tre partners), che ha ripresentato in questi giorni al teatro Cilea di Napoli. L’ involucro è quello fantastico della fiaba russa che ispirò l’ autore, e contiene ora la dimensione e la cultura d’ una città che la sa drammaticamente lunga in materia di guerra, dischiudendo al suo interno una lettura pirotecnica)della partitura originaria, elaborando il sapore di una tradizione ancora più popolare, facendo tesoro del cuore raccontatore dal grande maestro Lello Arena.

La direzione del teatro  ha comunicato che lo spettacolo “Cuciti a filo doppio” in programma al Teatro Cilea dal 19 al 22 aprile 2018, precedentemente annunciato, con Lello Arena e Isa Danieli, è stato annullato. Non andando in scena per problemi tecnici. Lo spettacolo è stato  dunque sostituito da “O Cunto d’o Surdato”. E mai sostituzione poteva essere più giusta, vista la bravura del grande Lello Arena.

Di certo e in molti non credevano nel ruolo affidato al grande attore, avendolo sempre visto in ruoli di natura comica, ed invece lui sorprende il pubblico calandosi perfettamente nella parte del narratore, raccontando una storia che vede per protagonista il diavolo e le sue tentazioni carnali e materiali nei confronti degli uomini.

Dalla Russia a Napoli il passo sembra stato breve. Una città, Napoli, che più d’ogni altra sa che cos’è la guerra o meglio cosa sono le guerre, e che racconta, oggi come allora, con le sue strade, con la sua gente, con la sua struggente malinconia, l’intollerabile inutilità di tutte le guerre.

La musica di un grande maestro, Igor Stravinskij che spesso ha voluto vestire Napoli con le sue note aggiungendo magia, mistero, leggende e nuovi miti ad un luogo già unico al mondo.

Tante sono le storie che narrano di soldati , ma questa storia è diversa da tutte le altre.

E la bella, misteriosa, irraggiungibile, magica principessa di cui lui si innamora dove potrebbe vivere se non a Napoli? La bella è e sarà la sua unica salvezza dopo il patto col demonio.

Lo spettacolo, in questo allestimento, ha debuttato al Teatro Stabile dell’Aquila il 3 Ottobre 2007 sotto l’egida ed il patrocinio del Comune della Città.

Ha avuto l’onore, tra i suoi moltissimi spettatori, di averne uno veramente speciale, il Presidente Giorgio Napolitano, nel corso di una recita ospitata nel cartellone della stagione dei Concerti del Quirinale in diretta su Radio Tre dalla Cappella Paolina in Roma.

Nella stessa linea di pensiero si inserisce la lettura pirotecnica del repertorio musicale che, grazie al talento di otto funambolici solisti, rende onore ad una delle più geniali e straordinarie invenzioni del grande Maestro russo.

Questo spettacolo, non era in programma, ma è stato un gran colpo di scena ed una piacevole sorpresa, vedere Lello Arena al di fuori dei ruoli in cui siamo stati abituati a seguirlo e la storia, nella sua particolarità colpisce e si fa ricordare. Solo lui poteva riuscire in cosi poco tempo a sostituire lo spettacolo.  Cosi il teatro Cilea chiude in bellezza  la sua stagione di spettacoli teatrali ricca di comicità e piacevoli colpi di scena.  Restiamo in attesa della prossima stagione.

Marco Assante

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Roberto Benatti e il suo album di debutto dal titolo “Aspettando Ribot”

  Già anticipato dal singolo "Tu dove sei", il cantautore...

Sēmen Opificio Puca quando gli allievi superano i maestri

  La giornata di oggi è stata davvero molto interessante,...

Carlotta Tempestini, il fascino… del ballo

“Quando ballo e quando faccio i miei spettacoli acrobatici...