“Famiglia Allargata”. L’appartamento, tra feste e incubi

Data:

Il problema della necessità di prendere un appartamento in affitto insieme ad altre persone per suddividerne le spese ha più recentemente coinvolto, oltre agli studenti universitari fuori sede, anche molte altre categorie di persone: divorziati o separati che non vogliono ritornare in casa dei genitori, giovanissimi o meno giovani  single che vogliono provare a vivere autonomamente, anziani che hanno perso il coniuge e vogliono semplicemente un po’ di compagnia, persone che debbono cambiare la propria residenza per esigenze lavorative, ecc.
Questo è il tema del film diretto da Emmanuel Gillibert nel quale un quarantenne parigino, scapolone incallito, Antoine (Arnaud Ducret), abituato ad una vita incentrata su periodiche festicciole circondato da tanti amici e soprattutto da belle donne condivide da anni  un bellissimo appartamento con vista Torre Eiffel con un amico che deve trasferirsi improvvisamente negli USA. Antoine cade nel panico al pensiero di doversi sobbarcare  per intero le enormi spese di affitto e dover rinunciare al suo meraviglioso tran tran di  immaturo Peter Pan.
La fortuna sembra di nuovo assisterlo quando un amico  gli proporrà come coinquilina Jeanne (Louise Bourgoin) una bellissima donna che ben presto scopre essere una separata in attesa di divorzio con due bambini. A questo punto decolla l’interessante aspetto tragicomico del film dove le libertà del maturo ( sic! ) single vengono seriamente minacciate  da Thèo (Timéo Bolland) di 8 anni e da sua sorella Lou (Saskia de Melo Dillais) di 5 anni.
Il film trattato dal regista Emmanuel Gillibert con grande ritmo e leggerezza va a fondo però  in alcune tematiche psicologiche, che più caratterizzano la nostra epoca, come in particolare il problema del rifiuto della famiglia da parte di molti giovani maschi, considerata  sbrigativamente un fardello eccessivo di responsabilità che possono limitarne le tante attività ludiche, in particolare se con figli.
E’ significativo il fatto che il film  proponga  il nuovo tema  dell’allargamento della famiglia in maniera involontaria, ma didattica, incuriosendo lo spettatore ansioso di verificare  l’epilogo della storia che praticamente impone il  seguente quesito: la famiglia sopravviverà ?
Il regista ha fatto un buon lavoro ed il film ha complessivamente un ritmo incalzante e piacevole, ma Emmanuel Gillibert come sceneggiatore avrebbe dovuto calcare meno la mano su certi francesismi eccessivi. Ottime le interpretazioni spontanee dei due bambini, di pessimo gusto alcune scene di feste natalizie, da tesina di scuola di cinematografia le sequenze riabilitative  del maschio in aereoporto.
Mauro Guidi
REGIA: Emmanuel Gillibert; SCENEGGIATURA: Emmanuel Gillibert, Marion Thiéry FOTOGRAFIA: Jérôme Alméras; MUSICHE: Martin Rappeneau;GENERE: Commedia, Sentimentale ;ATTORI: Arnaud Ducret, Louise Bourgoin, Timéo Bolland, Saskia de Melo Dillais, Laurent Ferraro, Michaël Cohen, Colette Kraffe, Hervé Masquelier, Joana Preiss, Robert Plagnol; PAESE: Francia; PRODUZIONE: CG Cinéma;DISTRIBUZIONE: Notorious Pictures;DATA USCITA: 17 maggio 2018;DURATA: 105 ‘

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Una commedia dalle tinte fosche e dai mille interrogativi

  Così sarebbe troppo facile. Shylock, un ebreo cattivissimo, estremamente...

Jova Beach Party, un inno alla Vita

La seconda serata del Jova Beach Party a Roccella...