“Odissea di Alice nel Paese della Realtà”. Un viaggio verso la consapevolezza

Data:

Albano Laziale, Anfiteatro Estate, 26 luglio 2018

Un’altra manifestazione, organizzata sempre dal Comune di Albano Laziale, e sullo stesso palco dell’Anfiteatro Festival, ha visto il suo penultimo atto giovedì 26 luglio nel suggestivo scenario dell’anfiteatro severiano del comune castellano. In scena una nostra vecchia conoscenza, Melania Fiore, con un suo testo mai rappresentato a Roma (e dintorni), Odissea di Alice nel Paese della realtà. Insieme a lei sul palco Sandro Calabrese e Aldo Emanuele Castellani. Netta è la sensazione che Melania con questo nuovo testo abbia avuto l’esigenza prima e la possibilità poi di dirci qualcosa di molto personale, viscerale, e che lo abbia fatto attraverso il surrealismo di una storia che si ispira con la leggerezza di un volo di farfalla ad opere come l’Odissea e Alice nel paese delle Meraviglie, come chiaramente dichiarato nel titolo, del resto.

Ma il modo e il risultato hanno lasciato di stucco, piacevolmente di stucco, chi (come il sottoscritto) era abituato ai toni di un’attrice che si esalta nel drammatico. In questo caso Melania Fiore, con il validissimo supporto di un convincente Sandro Calabrese “nella barca” del viaggio compiuto insieme agli spettatori, affronta tematiche importanti e anche dolorose con il sorriso, l’ironia, la dolcezza, il vigore e la profondità del suo personaggio. C’è lo smarrimento e il tentativo di ritrovarsi di una generazione in quell’Alice “occhio azzurro, farfalla danzante, mente colorata e voce di miele… ”, c’è la poesia profonda dell’essere umano alle prese con le sue zavorre psicologiche e tecnologiche che tenta disperatamente di arrivare ad un senso, ad un approdo che sia la voglia e la gioia di vivere pienamente e in libertà, senza più i fantasmi del passato e la paura di un futuro fosco. Alice è energia pura, espressa anche attraverso danze propiziatrici, o nell’uso dell’ingegno come Ulisse. Soltanto col viaggio inizia la vita.

Odissea di Alice è un grido forte e orgoglioso, che ha sconfitto anche una pioggia improvvisa a pochi minuti dall’inizio. E’ bastato attendere che gli Dei del teatro, di casa in quell’Anfiteatro, dessero un segno e la caparbia vitalità di questo spettacolo ha potuto prendere il largo. Dalla bellissima scenografia tutta in legno di Paolo Dilello e con le luci sempre curatissime di Riccardo Santini, impresa non facile su un palco gigantesco in una sola replica a disposizione, Alice – Melania, con tanto di Stregatto (partecipazione breve ma toccante, nel finale, di A. E. Castellani) ci ha portato in mondi lontani all’inseguimento di Fantàsia, come fosse un sogno.

Paolo Leone

Odissea di Alice nel Paese della Realtà. Scritto e diretto da Melania Fiore.
Con: Melania Fiore, Sandro Calabrese e Aldo Emanuele Castellani.
Scene di Paolo Dilello; Luci di Riccardo Santini. Le foto di scena sono di Paolo Dilello

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Johnny Depp a Roma per presentare “Puffins”

Puffins la serie tratta le avventure di un gruppo...

Dal 4 al 25 marzo 2017 al Teatro delle Logge Montecosaro (MC) “Scena Franca...

L'Associazione Franco presenta Scena Franca – Contenitore del Contemporaneo...

Raoul Bova chiude Giffoni con la presentazione dei fantastici 5 “La storia di ragazzi...

Nella giornata finale del Giffoni Film Festival, l’attore presenta...