Larissa Pop. La vita è un lusso

Data:

#PopCentrica non è solo un hashtah, ma un modo di intendere la vita. Un concentrato di lusso, esibizionismo, vizi e sogni da realizzare che si scontrano con una quotidianità spesso costellata da fragilità, incombenze e progetti da stendere nero su bianco. L’apparenza spesso inganna, ma nel caso di Larissa Pop ha un sapore meraviglioso che lascia senza parole. Occhi di ghiaccio, fisico perfetto, sorriso ammaliante e una parlantina che fa capire al volo come oltre alle gambe (splendide) ci sia molto di più. Sette lingue parlate, un diploma liceale e una laurea in dirittura d’arrivo in Comunicazione sono il suo curriculum scolastico. Scontato dire che adora la lettura e la incuriosisce tutto ciò che le permette di accrescere il suo bagaglio personale. Poi, naturalmente, quando si apre il capitolo legato al mondo dello spettacolo, si capisce al volo che Larissa sembra nata per sguazzarci a meraviglia. Una lunga carriera, a cavallo fra l’infanzia e l’adolescenza, come modella di abbigliamento ed accessori per i più importanti brand nazionali ed internazionali legati al settore della moda, quindi una lunga presenza in tv sulle reti Mediaset, servizi fotografici di prestigio in location rigorosamente luxury ed infine lo sbarco nel mondo dei social dove nel giro di qualche mese ha già raggiunto quota 15.000 followers. Tutto, naturalmente, studiato nel dettaglio, pianificato senza lasciar nulla al caso. Larissa Pop è davvero imprenditrice di se stessa, disposta a mettersi in gioco pur di centrare gli obiettivi prefissati. L’audacia non le manca, l’ardire neppure, intelligenza e fisico fanno il resto. In più, c’è quel tocco melodico nel suo nome che fa la differenza. Larissa Pop è davvero il nome e il cognome di questa splendida 22enne dalle origini romene e statunitensi ma cresciuta in Italia fra Lodi e Milano prima di trasferirsi in pianta stabile in quel di Brera, uno dei quartieri da favola di Milano. La sua, d’altronde, è una vita sopra le righe. Auto da favola, viaggi costanti in giro per i cinque continenti, sfizi a quattro zeri che si concede facendoselo dire al più due volte. Alla terza, l’acquisto è già fatto. Eppure, in questo trionfo di luccichii, c’è un lato più intimo impossibile da intravedere guardandola in tv o seguendola sui social. Quello di una ragazza fragile, che anche per via delle sue origini ha trascorso un’adolescenza fra alti e bassi, una giovanissima a cui la vita ha imposto di diventare adulta rapidamente. Elementi che la rendono umile, terra a terra, empatica al primo sguardo. Naturalmente, senza che quel pizzico di “snob” le manchi mai. In fin dei conti, resta pur sempre #Popcentrica e tutti gli occhi devono essere rigorosamente puntati su di lei.

Larissa Pop, da dove iniziamo?

Semplicemente… da me stessa: adoro leggere, ho in mente di scrivere un libro, faccio palestra, amo la moda, il vestirmi bene e le auto sportive.

A proposito di outfit: i tuoi sui social non passano inosservati.

Io sono così: o casual, o elegante. Nelle giuste situazioni, voglio essere impeccabile. E adoro, anzi pretendo, di essere io al centro dell’attenzione. Quando mi alzo, voglio che gli occhi di uomini e donne siano puntati su di me. Mi dà carica, energia, adrenalina. E mi permette ancor meglio di nascondere la mia fragilità e la mia timidezza.

A guardarti, non sembra proprio.

Se mi guardo mi vedo mille difetti, nel complesso però anche queste imperfezioni contribuiscono a rendermi unica. Mi vedo molto bella, ma sono e rimangono una ragazza acqua e sapone. Adoro i miei occhi e le mie gambe, ed amo valorizzarli. Ecco perché adoro la moda, voglio potermi permettere di comprare tutto quello che desidero. Sono fatta così: se vedo un capo che mi interessa in vetrina, costi quel che costi, deve diventare mio.

Un desiderio di bruciare le tappe che ti caratterizza da sempre.

È vero: se voglio, posso fare ed avere tutto. Ragiono così, ed ecco che potrete vedermi su auto da sogno, in luoghi da favola, in ristoranti stellati. Ma non voglio che ne esca un’immagine falsa di me: questa è un aspetto di Larissa Pop. Poi non manca quello opposto, costituito da fragilità e insicurezza.

Riavvolgiamo il nastro: hai iniziato a calcare la passerella fin da piccolissima.

Ho fatto sfilate per marchi di abbigliamento e per cataloghi di bambini. A 16 anni, per colpa di 5 centimetri, si è fermato il mio sogno di diventare modella. Dalle sconfitte però trovo sempre la forza per ripartire. È accaduto così anche quella volta, quando un’agenzia mi ha notata per strada ed ho realizzato un cortometraggio sulla sicurezza stradale in collaborazione con la Polizia stradale. Sono ripresi i servizi fotografici e di recente… sono arrivate altre soddisfazioni.

Quali?

Poche settimane fa invece ha scritto di me Playboy: un sogno trasmettere la mia femminilità sulla rivista che ha fatto sognare milioni di persone nel mondo.

Finché è arrivata l’apoteosi con Instagram.

Il popolo dei social mi segue, questo non può che farmi piacere. Lo ripeto: sono spavalda, amo essere io l’oggetto dei discorsi, belli o brutti che siano. La mia vita deve far parlare gli altri. Ed io, attraverso Instagram, sto costruendo un brand legato al mio personaggio. Ecco che è già nato l’hashtag #Popcentrica che riassume il mio modo di non voler mai passare inosservata. Nemmeno al ristorante…

Tante delle tue foto hanno a che fare col mondo delle auto di lusso.

La passione l’ho sempre avuta, mi piace girare in pista e mostrare un aspetto non proprio tipicamente… femminile! Mi piace sentire il motore che ruggisce e schiacciare il pedale dell’acceleratore… ma sono in Autodromo!

Anche per questo, su Instagram i followers aumentano…

Lo ripeto: esser guardata mi piace e sui social voglio raccontare la mia vita spensierata, senza problemi, priva di qualunque preoccupazione, nella quale posso soddisfare tutti i miei vizi. Ma nella realtà non sono così: so emozionarmi per un dono che sto per fare, adoro i miei periodi di tranquillità familiare, resto affezionata alle piccole cose che sono poi quelle in grado di farmi commuovere in ogni momento della giornata. Fidatevi: sono molto più semplice di come mi descrivono.

Dove vorresti ch Instagram ti portasse.

Ho un sogno, diventare giornalista. Dicono che sia discretamente brava, ho anche un libro da terminare. Ma mi sono imposta una regola: qualunque lavoro, voglio che non tolga spazio ad ogni mia altra ambizione. Voglio poter continuare ad essere libera, a stupire, a far chiacchierare…

Come sarà la tua estate?

Strano ma vero… non lo so ancora! Nel frattempo mi sto dividendo fra Milano, la Svizzera e lunghi weekend al mare. Quando ne avrò voglia, farò la valigia e dopo un’ora sarò su un volo con destinazione… qualsiasi! Sono fatta così, se voglio partire per il Burundi devo poterlo fare senza pensarci.

Il viaggio è la tua vocazione naturale.

Ed è anche ciò che mi ha fatto crescere come persona. Parlo 7 lingue, sono stata in tutti i Continenti, lo scorso anno ho vissuto un mese in Thailandia. I viaggi sono stati per me delle palestre di vita.

Luca Fina

Foto copertina Fabio Fanani
CONTATTI SOCIAL
https://www.instagram.com/poplarissa/
#popcentrica
SITO INTERNET
www.poplarissa.com

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

CONCERTO PER BIDONI E LAVANDINI AL TEATRO LIRICO

Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano. Fino al 6...

“Acqua”, il primo singolo di Francesco Nava

É uscito venerdì 29 settembre 2023 su tutte le...

“La Traviata”: lo spettacolo e l’autenticità sentimentale

Deutsche Oper Berlin, Berlino. Lunedì 2 maggio 2016 Violetta Valery,...

Parco Giardino Sugurtà, una meraviglia in cui perdersi

Il modo migliore per visitarlo è quello di perdersi...