Stornelli romaneschi e canzoni di mezzo secolo con il duo VASTANO-SCALA, battute ad effetto e salaci con doppio senso di G.D’ANGELO in ”Eravamo 3 amici al bar”

Data:

Al Teatro Roma dal 12 al 24 marzo 2019

La vita per chi è ormai in pensione, adesso si può approfittare della “quota100”, è piena di tempo libero per coltivare gli hobby, per giocare con gli amici al bar, leggendo in alternativa il giornale e commentando i fatti quotidiani o raccontandosi facezie e barzellette. Questo è ciò su cui vuole poggiare l’attenzione il brillante e divertente lavoro di Mario Scaletta in programmazione fino al 24 c. m. Nello spazio di via Umbertide, vicino la basilica Salesiana di S. Maria Ausiliatrice. Il gruppo d’avventori è un trio in cui spicca per arguzia e discorsività frizzante e fescennina G. D’Angelo, mentre S. Vastano canta con accattivante voce e dolce melodia il vasto repertorio di motivi composti nell’ultimo mezzo secolo dai più noti autori in note,come la canzone genovese di G. Paoli che dà origine al titolo della pièce. I tre s’incontrano per raccontarsi le proprie storie vissute nella routine giornaliera,come anche i temi che dominano la loro esistenza: politica,donne ed undici calcistico amato con tifo caloroso da D’ANGELO, che è sempre stato dei “lupacchiotti” giallorossi, narra di quando vedendo la partita la moglie gli toccava le parti intime e le gambe cercando il cellulare,consorte da cui stava tristemente per divorziare allorché lei ed i figli lo trovarono nudo per il compleanno sul divano d’una attrice.A proposito dei suoi ricordi e delle sue memorie, rammenta i trascorsi d’attore al “Bagaglino”dove il magnifico Fellini gli promise una parte per uno dei suoi successivi film e poi ad onta e scorno del suo lodevole istrionismo gli antepose per il visionario ”Roma” A. Vitali. Sono menzioni esistenziali, aforismi e sberleffi satirici,quali quello del sessista che loda il fondo schiena d’una bella giovane e rischia le botte dell’acido padre. I TRE attendono invano il quarto amico, Giuseppe trattenuto in banca per uno scoperto passivo. Devono organizzare una colletta e Gianfranco partecipa, con spirito solidale da vero romano, alla raccolta, nonostante avesse inizialmente rifiutato per la condotta irresponsabile del compagno.Si ride di cuore per le funamboliche battute e la classica armonia delle canzoni, mentre si sogghigna sui vizi e le virtù del nostro popolo e la meravigliosa Urbe è messa in risalto dai tetti delle case Quiriti e dalle absidi a volta delle mille Chiese della capitale, con i gotici campanili.La realizzazione della dialettica ilare e sagace è  rapportabile ad “Aspettando Godot” di Samuel Beckett, in quanto Giuseppe rimarrà il fantasma agognato della palpitante ed emotiva serata.

Susanna Donatelli e Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Emily Zanussi, una influencer tutta da guardare

Se ancora non vi basta seguirla sui suoi profili...

Ecco il primo caso di Sanremo

Parliamo di musica? No di tennis. Per forza adesso...

Scrivere: un gesto che svela i misteri dell’anima

Il compito della scrittura non termina col dipanarsi di...

Il Teatro San Carlo di Napoli cambia il Sovrintendente

Dopo l’annuncio del 7 ottobre scorso, il 1°aprile si...