Una bella nuotatrice scompagina la vita di due spiantati giornalisti in “ANDY e NORMAN”

Data:

Al Teatro degli Audaci Roma, dal 4 al 14 aprile 2019

All’insegna dell’aforisma il teatro accresce la civiltà,il teatro degli audaci con la sua compagnia stabile ha presentato nei giorni scorsi una “chicca” poco allestita nel passato e basata sulle difficoltà editoriali degli anni sessanta e la pazienza necessaria alla  convivenza tra due esseri umani dello stesso genere. Da qui l’incomprensioni, i litigi e l’isterie tra ANDY e NORMAN,che sfociano in una smaccata ironia e satira sui rispettivi difetti. Sono due poveri diavoli che cercano di sbarcare il lunario dirigendo e dando alle stampe una rivista alternativa, che non sanno come finanziare,mentre per pagare l’affitto alla signora Macchinini, vecchia proprietaria di casa, il più intraprendente ANDY, impersonato dal direttore artistico FLAVIO DE PAOLA con impeccabile classe recitativa dallo stile secco ed asciutto con salaci battute all’amico in crisi d’idee ed incapace di concludere lo spartito d’un musical,pur scrivendo sempre a macchina, deve farle da “gigolò”nelle cene di società. Il copione di NEIL SIMON funziona come un perfetto meccanismo ad orologeria con gags e colpi di scena irrefrenabili, che mandano in visibilio gli spettatori specie quando arriva sullo stesso pianerottolo una campionessa di nuoto americana, che sta per sposare un marine e di cui Norman s’innamora pazzamente, fischiandole dietro ed interrompendo dove sta per immergersi nella piscina d’un club. Ella viene licenziata ed ANDY per ripagarla del danno le propone di lavorare come segretaria,tuttavia lei non è all’altezza e viene assunta come donna delle pulizie e cuoca,per cui gira per casa e Norman la circuisce,provocando il suo desiderio di fuga,malgrado l’aumento di paga. Ella, però, inizialmente s’invaghisce di ANDY e vorrebbe restare, pure perché è NORMAN, una brava spalla diligente e coerente, s’è calmato e tenta di realizzare il sospirato sogno,ma non sa terminare il suo compito nemmeno ammanettato alla scrivania.Andy non vuole licenziarla,perciò le offre un aumento sulla mercede stabilita e desidera trattenerla, invece il tentativo non va in porto e la giovane un’avvenente e volitiva,persuasiva,GIULIA DI TURI,finge d’andarsene con la valigia,rimanendo dietro la porta,mentre ANDY confessa di sentire ancora il suo profumo domestico e non poterne fare a meno.Come finirà e cadrà un fulmine a colpire ANDY,oggetto di gran rifiuto verso la dinamica Sophie? Il testo di NEIL SIMON ha divertito gli spettatori e mostrato come l’uomo sia spesso costretto a difendersi per poi capitolare di fronte all’abile seduzione dello “charme femminile”, scegliendo sempre EVA il suo partner. La compagnia sta preparando l’ultima produzione stagionale per i primi di maggio: ”Rumori fuori scena” di M. FRAYN.

Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

La Poesia raccontata da un uomo che scrive

Spesso definiamo la poesia come un’attività artistica appartenente a...

Separati… ma non troppo

Ieri 27 gennaio 2024, alle ore 20:45 si è...

A Firenze il processo del secolo

  Si aprirà al tribunale di Firenze il giorno 7...