IL TRASTEVERE, soffrendo più del dovuto per mancanza d’idee e calo tecnico, si sbarazza del fanalino di coda LADISPOLI solo con un rigore di Lorusso(1-0)

Data:

Nelle ultime 3 gare dell’anno appena passato alla storia i Rionali avevano conquistato un solo punto e perso, per cessioni dovute più alla volontà dei calciatori interessati che ad esigenze economiche della società CAPODAGLIO  e DE JULIIS, approdati rispettivamente al Monterosi, che ha rafforzato il primato nel girone e espugnando Gavorrano e tenendo a distanza Grosseto e Scandicci,ed alla Sanremese, non più al Foggia come s’era in un primo momento ventilato. Dunque mister PERROTTI, con il morale degli atleti ”sotto i tacchi” ed il ridimensionamento tecnico del potenziale umano a sua disposizione, doveva vincere la prima partita del girone di ritorno per ridare slancio ed entusiasmo ai suoi,nonché verificare il reale valore degli effettivi a lui rimasti, per eventualmente chiedere rinforzi al Presidente Betturri.Uno è stato gioco forza prenderlo per la perdurante assenza per infortunio di Tajarol e la scelta è caduta su Fontana avuto dal LATINA,che s’è battuto con impegno per ben figurare ma c’è parso difettare del fiuto del gol e dell’intesa con Lorusso all’attacco. Lo schema attuato dal bravo e laborioso PERROTTI, pur se tattiche e movimenti di gioco e disimpegno andrebbero in qualche modo riviste e perfezionati per non  concedere vantaggi agli avversari,come negli interventi di testa in area su palle inattive, costati cari contro il latte dolce, l’Ostiamare e la Turris, perché gli altri prevalgono sempre negli stacchi imperiosi sugli Amaranto, è stato ancora il 3-5-2 con Bassini, Bertoldi, Iannone e Bergamini a dettare la manovra a centro campo, con l’inserimento a turno d’un difensore per aprire varchi sulle fasce. Ciò tuttavia non era ben finalizzato in quanto i lanci erano fuori misura, la costruzione del gioco era approssimativa, lenta con eccessivi passaggi e poi gli avanti si facevano spesso pescare in offside dagli attenti assistenti del PISANO arbitro IACOBELLIS, i campani Gambino quale primo per le sostituzioni di Nocera inferiore e TAGLIAFERRO DI CASERTA. La partita era dura e spigolosa  pure per la buona prestanza del Ladispoli di mister Zeoli deciso a vendere cara la pelle dopo la sconfitta di stretta misura a Sassari contro la TORRES, seconda in classifica,negli ultimi minuti prima di Natale.Non mancavano nemmeno le scorrettezze rudi con falli tattici per arrestare le ripartenze delle formazioni, tanto che Tarantino, TOLLARDO E BERGAMWI, venivano sanzionati con il cartellino giallo per codesto motivo. Nel primo tempo c’erano solo tiri da fuori o cross radenti dei padroni di casa su cui sovente salvato era in difficoltà non possedendo una sicura trattenuta della sfera. Perciò senza vere occasioni da retesi ergeva al 36 allorchè Colantoni nella sua tre quarti perdeva il pallone. In questa seconda frazione i capitolini si notavano alla ricerca del raddoppio unicamente all’80′ con una pregevole fuga in slalom di IANNONE che all’80’forniva un assist invitante al bomber LORUSSO che sparava un bolide centrale che salvato mandava in corner con un’istintiva respinta a mani aperte.Così il Trastevere centrava il successo per merito del buon DAVIDE pervenuto alla tredicesima rete dopo i due gol dell’andata per cui si può dire sia stato lui a guadagnare i 6 punti contro il LADISPOLI destinato a naufragare,come il TOR SAPIENZA che ha frenato la corsa dell’ANAGNI al TINTISONA di LARIANO ed il BUDONI piegato ad ARZACENA,dovendo venire a ROMA tra due domeniche.

Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Camilla Marioli, una ragazza sotto i riflettori

Nella vita studia, lavora full-time come cameriera in estate...

“Oltre”. La lirica in prosa di Azelio Cantini

OLTRE... Cogito ergo sum (Penso dunque sono... ovvero esisto)...