MARIA BASILICATA, DALLA TV AL PUGILATO… PASSANDO PER I SOCIAL

Data:

Oltre 100mila followers su Instagram, un volto notissimo del piccolo schermo (compreso qualche ingresso nella Casa del Grande Fratello), alcune storie che l’hanno portata sotto le luci dei riflettori spesso raccontando quello che lei non è. Dopo un lungo periodo di silenzio, Maria Basilicata racconta il suo passato, il suo presente e il suo futuro. Una vita fra social, fotografia, pole dance e pugilato. Insomma, una storia tutta da leggere…

Riavvolgiamo il nastro: chi è Maria Basilicata?

Una ragazza di 27 anni… cittadina del mondo: non sto mai ferma in un’unica città sia per lavoro che per svago. Ma la base si trova in un piccolo paese di Caserta. Nella vita lavoro nello spettacolo da circa 11 anni, come attrice. Ma sono anche una pugile agonista e una ballerina di pole dance.

E, naturalmente, volto noto dello schermo.

Mi sono avvicinata allo spettacolo per gioco. Il mio primo lavoro risale a quando avevo 16 anni e durante quegli anni la mia idea era studiare Criminologia. E dal nulla, mi fu commissionato il primo lavoro, così per caso. Lavorai con Paolo Bonolis allo spot pubblicitario di Sanremo: è stato quel giorno che mi sono innamorata perdutamente delle telecamere e del set. Ad oggi, sono laureata in arti dello spettacolo all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ho proseguito poi la specializzazione in due accademie. Recitazione e addestramento alle armi sceniche con la Talent Scout Academy, e subito dopo recitazione e dizione alla Cinemafiction. Ho lavorato a molti film, spesso anche lontano da casa a lungo. Quello più divertente è stato sicuramente Immoral Love di Nicola Guarino.

Finché poi è nato il feeling col piccolo schermo.

Ho partecipato a molti programmi televisivi, sia come concorrente che come figurante. Qualche anno fa sono entrata nella casa del Grande Fratello Vip e, durante le dirette settimanali, aiutavo i concorrenti in alcune prove trasmesse durante le dirette giornaliere. Dimenticavo: ho vinto anche dei soldi in un programma televisivo, Apri e Vinci, su Rai 2!

Come si vivono le luci della ribalta?

Il mondo dello spettacolo o lo si ama o lo si odia, non esistono vie di mezzo. E’ come essere nel bel mezzo di un bosco popolato da lupi pronti a morderti da un momento all’altro. Ognuno va avanti per la sua strada, pensa alla sua carriera e alla sua realizzazione personale: è molto bello perchè ti regala tante emozioni, ma è anche un mondo terribilmente egoista. E, dopo 11 anni, credo di esserlo diventata anche io. Quando lavoro, spesso, non mi riconosco: pretendo tanto da me stessa e, talvolta, anche da chi mi circonda.

Ci racconti qualche aneddoto di queste tue esperienze?

Durante i miei primi lavori, ricordo che ero ospite in un programma ed eravamo dietro le quinte pronti per la diretta, ed uno dei fotografi di scena mi si avvicinò e mi disse: “Sei piccola, forse nemmeno venti anni hai. Ma sei in gamba, Maria. Ricordati che qui devi fidarti solo di te stessa e delle tue idee, e sappi che più crescerai più tenteranno di farti cadere. Non ti arrendere, conserva sempre la grinta che hai oggi mentre stai aspettando di entrare nello studio”. Queste parole le ho portate con me, mi son servite e continuano a servirmi, e spero che Roberto legga queste parole e sappia che oltre ad essere un grandissimo fotografo è anche una delle migliori persone che io abbia mai conosciuto.

Col passare del tempo poi Maria Basilicata è diventata un’autentica star dei social.

I miei social sono nati nel momento esatto in cui ho iniziato il mio percorso artistico. Mi hanno portato tantissime opportunità lavorative, e mi hanno fatta crescere tanto. Ho imparato a non rimanerci troppo male se qualcuno mi scrive qualcosa di brutto, a ringraziare molto chi mi fa complimenti e mi scrive gentilezze, a comunicare con la gente in modo sereno. Racconto loro la mia giornata attraverso le story e sono sempre piacevolmente sorpresa dal notare quante persone interagiscono con me.

Tanto seguito… tante occasioni di lavoro!

Ho lavorato con tantissime aziende per le loro campagne social. Di alcune sono stata anche il loro volto per diversi mesi.  Premetto che io adoro ogni singola azienda e brand che ha creduto in me; ho collaborato con Daniel Wellington, Santoro, Kebros, Kulto, OPS, Mac, Clinique, Aveda, Kylie, Lee Cooper, Luxstrada, Herbalife, Fittea, Ashley Bridget e tanti, tantissimi altri. Oltre che con vari stilisti, come Antonietta Pepe che ha curato il mio look in moltissimi eventi.

Com’è il rapporto con i social?

Ho un bel rapporto con la gente che mi segue, il problema è quella che non mi segue affatto ma arriva sui miei canali pubblici solo per offendermi o scrivermi cose volgari. L’aneddoto che più mi ha segnata? Quando è stato pubblicato un articolo di gossip del tutto infondato dove era scritto che mio marito m’aveva tradita con una concorrente di un reality molto seguito. Ricordo che non riuscivo neppure a dormire la notte perchè avevo i fan di quella ragazza che mi davano della poco di buono, che mi auguravano le peggiori cose, quando invece l’unica vittima di quella questione ero proprio io! Tanto più che non c’’era nulla di vero! Le mie immagini furono accostate ad un paparazzo famoso per un lavoro che avremmo dovuto fare insieme e che poi non abbiamo più fatto, fu un periodo infernale. Ricordo che dimagrii tantissimo, e che mi rinchiusi in palestra per dedicarmi solo allo sport. Lo spettacolo avrei voluto lasciarlo perdere in quel periodo…

Come ti piace apparire?

Da sempre, cerco di lasciare una mia immagine pulita, a seguito delle mie esperienze so bene che i miei profili e le mie foto rischiano di essere puntate con una facilità incredibile. Certo, è anche il mio modo di esprimermi che spesso risulta antipatico. E’ che sono assolutamente sincera, e se una cosa non mi va la dico. Non ho filtri. Se domani avrò voglia di fotografarmi con un cappotto su una spiaggia, lo farò.  Mi piace che la gente mi ammiri, mi chieda consigli sullo sport, sull’alimentazione, sul mio lavoro o, semplicemente, che mi mandi un saluto. Odio, invece, i contenuti volgari e violenti: non capisco davvero il senso di ferire una persona…

Abbiamo detto: Maria Basilicata è anche una pugile.

Sono una pugile da 5 anni. La boxe è lo sport della mia vita, seppure da qualche anno io mi sia avvicinata anche alla pole dance. Quando sono sul ring io dimentico di essere quella ragazza bionda che dovrebbe sempre apparire ordinata ed in vesti presentabili. Insomma, tiro fuori l’essenza di quello che sono: una che non s’abbatte di fronte a niente, qualunque sia l’avversario. Amo quella carica d’adrenalina che sa darmi prima di ogni match e quel senso di completezza alla fine di esso. La boxe mi ha aiutata quando lo spettacolo ed il gossip mi remavano contro. Tuttavia, trovo l’unione perfetta fra i miei guantoni e la mia femminilità. Sono molto vanitosa e non nascondo che una volta, per gioco, ho boxato in palestra con i tacchi. Il mio Team di chiama Team Boxic, ed è capitanato dal Maestro Clemente Di Crescenzo, loro sono la mia seconda famiglia.

D’accordo il ring… ma come ti piace esprimere la tua femminilità?

Curo molto il mio corpo ed il mio aspetto estetico e, di conseguenza, sto bene con me stessa. Adoro i vestiti originali, di quelli che alla vista ti fanno sbarrare gli occhi e poi sussurrare “wow”. Più i capi sono originali, più me ne innamoro. Ho indossato, grazie anche ai look di Antonietta Pepe, gli abiti più creativi possibili: un total look bianco con uno spacco inguinale profondo quando ancora era scandalo, oppure semplicemente delle foglie cucite su stoffa trasparente. Antonietta mi ha creato un abito che ha fatto brillare gli occhi a tutte le testate giornalistiche presenti quella sera. Ricordo che si dicevano fra loro: “è nuda, ma non lo è!”. Ed era vero, a prima vista sembravo totalmente nuda, come se indossassi solo delle foglie. Ma la stilista è stato in grado di trasformare un’idea così “strana” in un abito che non aveva nulla di volgare, ma che era semplicemente fantastico.

Cosa ti piace trasmettere alle persone che guardano le tue foto?

Sicuramente niente di sconcio, sia mai. Ma molti mi scrivono che per loro sono una sorta di desiderio, tipo quelli che infiliamo nel cassetto. Ed è questo che mi piace: sapere che quando qualcuno guarda una mia foto mi veda in modo quasi iconico. Che poi, diciamocela tutta, è il piacere di tutte le donne.

Cos’altro bisogna sapere di te?

Io sono un libro aperto, piena di pregi e di difetti. Sicuramente, quello che mi piace più di me è la positività e la grinta. Mi reputo una vera guerriera, non mollo il punto d’arrivo finché non l’ho raggiunto. In passato il mio peggior difetto era l’impulsività, ma nel corso degli anni sono riuscita a domarla.
La mia passione più grande è lo sport, di qualunque natura esso sia. Poi amo i viaggi, il mondo, le belle esperienze e le culture diverse.

Cosa ti aspetti dal futuro?

In pentola bollono tantissimi progetti, ma non posso svelare ancora nulla. Anzi, forse qualcosina si. Sto lavorando, attualmente, ad un progetto Spagnolo bellissimo. E’ la prima volta che lavoro in Spagna e l’idea di partire appena questo periodo sarà terminato mi emoziona tantissimo.
Fra dieci anni vedo tutti i miei sogni realizzati: e sicuramente ne starò progettando altri perché sono un’inguaribile sognatrice. E oltre al lavoro, sicuramente fra dieci anni sarò anche mamma. Magari di due bambini: un maschietto ed una femminuccia.

Luca Fina

CREDITS FOTOGRAFICI

Ph. Francesco Laratta

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

MICHELLE CAPO: SUI SOCIAL SONO QUELLA CHE VORREI ESSERE!

Capello rosso, corpo da favola, una buona dose di...

Mirella Limotta, una ballerina alla “corte” di Magalli

Il suo volto vi dirà sicuramente qualcosa. Se non...

Giada, la fotografia fra passione e sensualità

  La sua avventura nel mondo della fotografia è iniziata…...