Paolo Siccardi, dal ’91 nel mondo della fotografia

Data:

Sono nato come fotografo paesaggista, poi di scena e ho scoperto per caso il backstage nei concerti nelle trasmissioni tv o fiction. Questi scatti sono ormai parte di me. Fotografare quello che avviene davanti e dietro a un palco non necessita una grande tecnica, bisogna cercare la sintonia e la conoscenza col personaggio. Amo i dettagli, la luce è l’elemento più importante.

Molti mi chiedono come sono i vip, i cantanti, gli attori. con alcuni di loro ho conoscenza ed amicizia. A volte nascono per caso dei bei rapporti. Potrei fare dei nomi, ma la lista è lunga, in 25 festival di Sanremo e trasmissioni tv da accreditato. Come carattere posso sembrare molto distaccato e professionale, forse il mio essere ligure, ma sul set mi trasformo e anche le modelle o i vip davanti alla mia reflex si lasciano plasmare come creta. Un elogio che ricevo sempre è che NON faccio mai perdere tempo a nessuno. Eseguo scatti semplici, anche se a volte mi piace lasciare a bocca aperta chi osserva i miei scatti, è impossibile sbagliare uno scatto quando davanti ho vip o modelle professioniste e per me è un privilegio

In ogni situazione mi faccio un’idea e la foto che scatto mi deve sorprendere ed essere la più vicina all’idea stessa. Chi invece è davanti a me, ovvero vip o modelle, deve essere consapevole del proprio ruolo ed è essenziale ascoltare chi devo ritrarre durante il lavoro. Amo un viso caratteristico oppure la ruga di un anziano o il sorriso di un bambino.

Ho una bella gavetta alle spalle, da Piacere Raiuno nel 1992 ad oggi, e di anni ne ho 50, infatti sono nato nel 1970 e ne vado fiero. I ragazzi di oggi con la digitalizzazione sicuramente faticheranno molto di meno, ma sono fiero degli anni che ho vissuto con il rullino a colori e bianconero e accetto ogni secondo che vivo come un dono.

Posso dire che una professione non si inventa, è stato importante studiare fotografia, arti visive e storia dell’arte, anche se continuo ad andare dove mi porta il cuore, consapevole di aver ricevuto molto bene e anche molto male, in virtù di questo sono molto più diffidente e selettivo nelle conoscenze.

Tutti in Italia sono tuttologi, tutti fotografi, calciofili, discografici durante il festival… e ora virologi. Nello stato attuale delle cose penso che oltre a rispettare le regole più strette per il bene di tutti bisogna ricominciare a ricostruire, prima di tutto nei nostri cuori. Sono sincero, con questa Pandemia ho perso molte occasioni ed eventi culturali, musicali e artistici, che per tanti anni erano appuntamenti fissi. La foto che desidero scattare, un semplice abbraccio tra due persone sconosciute… ma dovrò aspettare ancora.

La fotografia è scrittura di luce e senza la luce l’uomo opera e si nasconde nelle tenebre e con l’aiuto delle tenebre si può dare vita a ogni malefatta, per questo amo l’alba più del tramonto, amo la luce che indica il mio cammino e come un gabbiano mi piace sfiorare il mio mare le mie onde. I tanti, anzi troppi complimenti, mi imbarazzano e a volte mi danno anche fastidio. Io sono così.

Accreditato a trasmissioni tv, dal 1992 sono al Festival di Sanremo, I migliori anni, Fantastico, Tale e quale show, Domenica in, Ciack si canta, La vita in diretta… e tante altre collaborazioni con magazine e radio eventi live.

Nel 2021 avrò una pubblicità a livello nazionale e il casting per la ricerca di modelle è aperto.

www.paolosiccardi.jimdo.com sito in rinnovamento e p.siccardi70@gmail.com

Tutte le foto sono di Paolo Siccardi

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Mu” di Nunzio di Sarno. La Poesia si fa immensità

Mu, di Nunzio di Sarno, è una raccolta coraggiosa,...

Maria Miceli a “I soliti ignoti”

All’improvviso è comparsa lei. RaiUno, trasmissione de “I Soliti...