SETTIMANE ROSSINIANE. Da mercoledì 23 febbraio a domenica 6 marzo – Pesaro, vari luoghi

Data:

Una rassegna di musica, danza, incontri per celebrare vita e opere di Gioachino Rossini, nato il 29 febbraio 1792 a Pesaro

– nell’ambito della candidatura di Pesaro a Capitale della Cultura 2024 –

Torna in presenza, dopo la digital edition dello scorso anno, l’istituzionale appuntamento del febbraio pesarese: due Settimane Rossiniane, da mercoledì 23 febbraio a domenica 6 marzo, per celebrare vita e opere di Gioachino Rossini, nato a Pesaro il 29 febbraio 1792. Proseguono anche con questa rassegna le attività culturali promosse dalla Città di Pesaro, nominata dal Ministero della Cultura tra le 10 città della shortlist in corsa per il titolo di Capitale della Cultura 2024.

All’interno del programma delle Settimane Rossiniane concerti, con una proposta decisamente ampia e originale che accanto alla produzione rossiniana dà spazio anche alla musica elettronica e a un ricordo di Lucio Dalla; una prima assoluta di danza della Compagnia Kataklò; due incontri alla scoperta di vita e opere del compositore e un’offerta museale che si amplia per l’occasione.

Programma
Giovedì 24 febbraio alle ore 21 al Teatro Sperimentale va in scena la prima assoluta di Rossini Grand Hotel della Giovane Compagnia Kataklò diretta da Giulia Staccioli. Con questo spettacolo la Compagnia si immerge nella lirica di Gioachino Rossini trasportando il pubblico all’interno di un albergo festoso e visionario: il Rossini Grand Hotel. A seguire venerdì 25 febbraio l’Orchestra Sinfonica Rossini presenta Cenerentola. Rossini in danza. Tripla proposta per domenica 27 febbraio: il Concerto Aperitivo della Filarmonica Gioachino Rossini, l’Omaggio a Rossini dell’Ente Concerti con il giovane duo composto da Francesco Stefanelli al violoncello ed Elia Cecino al pianoforte e conclusione con il Rossini Opera Festival che propone in forma di concerto Tancredi, melodramma eroico in due atti su libretto di Gaetano Rossi. Lunedì 28 febbraio al Teatro Sperimentale alle 21, il Conservatorio Rossini propone il concerto dedicato al compleanno del compositore nato il 29 febbraio 1792.
Appuntamento con la musica elettronica mercoledì 2 marzo con Discovering the electronic music of Chino “Goia” Sornisi con la voce recitante di Francesco Fusaro e i sintetizzatori di Enrico Gabrielli (Calibro 35), Sebastiano De Gennaro, Damiano Afrifa e Luisa Santacesaria che eseguiranno le opere (letteralmente) introvabili di Chino Goia Sornisi (anagramma di Gioachino Rossini), immaginario pioniere della musica elettronica vissuto un secolo esatto dopo il Maestro pesarese. Giovedì 3 marzo le celebrazioni rossiniane si intrecciano con il tributo a un altro compleanno illustre: quello di Lucio Dalla (4 marzo 1943). L’appuntamento è con L’anno che verrà: in scena, Peppe Servillo, Javier Girotto, Natalio Mangalavite.

Durante le Settimane Rossiniane anche due incontri: il 23 febbraio con Enrico Capodaglio che racconterà di Marie-Henri Beyle, autore della celeberrima Vita di Rossini e la conferenza della Fondazione Rossini ‘Zelmira, da Napoli a Vienna’ con Saverio Lamacchia, docente dell’Università di Bologna, il 26 febbraio.

Anche il patrimonio museale festeggia le Settimane Rossiniane con aperture straordinarie del Museo Nazionale Rossini e della Sonosfera®, due ‘luoghi della cultura’ simbolo per la città e un programma di visite guidate al percorso permanente e alla mostra del Rossini Opera Festival “ROF 15K”.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

DO: Donizetti Opera a Bergamo. “C’erano una volta due bergamaschi”

Donizetti Opera 2021 C'erano una volta due bergamaschi... nella singolare...

SIMONA PAVIA, UNA MISS FRA STUDIO E GRANDI SOGNI

Una ragazza acqua e sapone, studentessa al Liceo Scientifico...

I Solisti del Teatro ai Giardini della Filarmonica di Roma

Personalità disturbate e gelosie evolutive con il pericolo dei...