Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

FOLLIA DI SHAKESPEARE MACBETH VS ROMEO E GIULIETTA

Data:

Sabato 23 (alle ore 20.30) e domenica 24 aprile (ore 18) debutterà in anteprima nazionale il nuovo spettacolo di Max Mazzotta “Follia di Shakespeare –Macbeth VS Romeo e Giulietta” all’interno della “Rassegna L’AltroTeatro”. Lo spettacolo è prodotto da L’AltroTeatro (Gianluigi Fabiano, Giuseppe Citrigno, Giada e Serena Falcone), nato da un progetto della compagnia LiberoTeatro. Prove e allestimento realizzate al PTU (piccolo Teatro Unical) grazie alla sensibilità del Rettore Nicola Leone e alla collaborazione del Dipartimento Studi Umanistici (Prof. Francesco Perrelli) e al CAMS ( Presidente Prof. Francesco Ragnolo) dell’UNICAL.

Ad interpretare il doppio ruolo della Lady e della bella Capuleti, l’intensa attrice siciliana Stella Egitto (“In guerra per amore” di Pif -2016 ; “Tu mi nascondi qualcosa” di Giuseppe Loconsole- 2018 ;“I racconti della Domenica” di Giovanni Virgilio-2021). A vestire i panni del tormentato Macbeth e del poetico Mercuzio, Lorenzo Richelmy (“Fat Cat” di Michele Fiascaris -2013; serie Netflix “Marco Polo”-2014; “Il talento del calabrone” di Giacomo Cimini-2020). Con loro gli attori della storica compagnia Libero Teatro diretta da Mazzotta. In realtà, “Follia” fu lo spettacolo che suggellò la nascita della compagnia nel 2000. Oggi, a distanza di 22 anni, torna a rivivere sulle tavole del palcoscenico in una rielaborazione originale

Sabato 23 e domenica 24 aprile, torna “Rassegna L’AltroTeatro” sul palco dello storico Teatro A. Rendano. Finanziato dalla Regione Calabria, quale evento storicizzato- sull’avviso pubblico per la selezione e finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali, la qualificazione e il rafforzamento dell’offerta culturale- vede, inoltre, il supporto dell’Amministrazione comunale di Cosenza. Organizzato dalla società “L’AltroTeatro” guidata dal gruppo di operatori del mondo dello spettacolo locale: Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano. Sul palco del Teatro A. Rendano 11 appuntamenti all’insegna della grande drammaturgia senza dimenticare, però, il divertimento e il puro spettacolo. Prosa, dai grandi classici agli autori contemporanei e poi, commedie e concerti questi gli ingredienti del cartellone ideato da “L’AltroTeatro”.

“Follia di Shakespeare” Lo spettacolo è un’originale indagine poetica sulla tragedia shakespeariana. Amore e follia sono il nucleo centrale del Macbeth e di Romeo e Giulietta. I due drammi possono essere letti seguendo il medesimo filo rosso: la follia e la perversione che l’amore può ingenerare. Le vicende si intrecciano sul palcoscenico in un gioco di specchi e di doppio in cui il confine, tra le due tragedie, diventa labile. Le atmosfere esoteriche del Macbeth si fondono con l’identità popolare di Romeo e Giulietta. Infinite possibilità hanno origine dal “doppio ruolo” che ciascun attore è chiamato ad interpretare nell’intreccio delle due storie. Se assistere a Macbeth che veste i panni di Mercuzio ingenera un moto di benevolenza nonostante le atrocità commesse, vedere Lady Macbeth diventare Giulietta, ci suggerisce quanto possa diventare folle e diabolico l’amore. Il Macbeth è un racconto onirico, un ponte sospeso tra naturale e soprannaturale, il male che divora dentro lentamente ciò che è intorno e mai il contrario. Fino alla morte di Mercuzio, Romeo e Giulietta è una gustosa commedia popolare. L’uso del dialetto calabrese, non solo restituisce ai personaggi la veridicità della loro condizione umana, ma gli garantisce anche quelle sfumature interpretative che sono la forza del linguaggio tragicomico. Le scene in dialetto di Romeo e Giulietta sono frutto di una traduzione che s’ispira al concetto che “tutto è un gioco”. L’amore e l’amicizia sono un gioco ma anche l’odio tra le due famiglie (Montecchi e Capuleti) rievoca un rituale antico nell’immaginario popolare. Ecco perché si è scelto di raccontare la “faida” tra le due famiglie, pronte a sfoderare l’odio brutale l’una contro l’altra, per una partita di pallone. Due squadre rivali, l’una contro l’altra, due modi opposti di vivere il gioco. La commedia, in un gioco di riflessi, si specchia nella tragedia e viceversa. Lo spettacolo ha una regia moderna che attinge a piene mani al montaggio cinematografico. La rappresentazione contemporanea delle due tragedie diventa possibile grazie alla molteplicità dei linguaggi. Ed è proprio “il doppio” interpretato dagli attori che permette di passare da una tragedia all’altra senza che il racconto subisca traumi, una narrazione fluida, per quadri, che risulta originale e sorprendente.

Max Mazzotta si forma nella Scuola del Piccolo Teatro di Milano come allievo di Strehler. Esordisce nel cinema nel 1997 in L’ultimo capodanno di Marco Risi, seguono altri film sia per il cinema che per la tv, tra le esperienze più significative: nel 2002 interpreta Enrico Fiabeschi, uno dei personaggi nati dalla matita del fumettista Andrea Pazienza nel film Paz! Il film diventato ormai un cult ne ha fatto un’icona del genere. Nel 2021 interpreta il Gobbo personaggio icona nel blockbuster “Freaks Out” di Gabriele Mainetti. A teatro riscuote un notevole successo la coproduzione con il Piccolo Teatro di Milano dello spettacolo Visioni di Galileo tratto dall’opera di Bertold Brecht, Vita di Galileo, in scena per due stagioni dal 2006 al 2007.

I prossimi appuntamenti della Rassegna L’AltroTeatro:
· Gran finale mercoledì 27 aprile, il capolavoro pirandelliano “L’uomo, la bestia e la virtù” con Giancarlo Nicoletti, Valentina Perrella e Giorgio Colangeli.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Ozuna: il re del Reggaeton internazione live con L’odissea world tour

a Napoli il 29 luglio all’Ippodromo di Agnano  L’unica data...

L’allegria di Antonello Costa

Al Cardinal Massaia di Torino il 9 gennaio 2017 Come...

ATTI OSCENI, I tre processi di Oscar Wilde

Uno spettacolo che emoziona, affascina, dal ritmo serrato, in...